Bonus mobili e bonus verde: modalità di pagamento non identiche

Per godere del bonus mobili e bonus verde la certezza è che per entrambi è escluso il pagamento della spesa in contanti

di , pubblicato il
bonus mobili 2021

Il bonus mobili e grandi elettrodomestici ed il bonus verde prevedono entrambi, al fine di goderne, che il pagamento della spesa sia fatto con strumenti tracciabili. Il pagamento in contanti esclude entrambi i bonus. Tuttavia, mentre per il bonus verde è ammesso anche il pagamento con assegno, per il bonus mobili tale modalità è esclusa.

Bonus mobili: come funziona

Il bonus mobili ed elettrodomestici, ricordiamo, si sostanzia in una detrazione IRPEF del 50% riconosciuta a fronte di spese per acquisto di mobili nuovi e di elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+ (A o superiore per i forni e lavasciuga). Il beneficio è riconosciuto a condizione che siano in essere anche lavori edilizi che diano diritto al c.d. bonus ristrutturazione (in altri termini non può esserci bonus mobili in assenza di bonus ristrutturazione).

La detrazione è stata prorogata anche per il 2021 dalla relativa legge di bilancio, la quale ha altresì innalzato il limite massimo di spesa su cui applicare il beneficio (portandolo da 10.000 euro a 16.000 euro per ciascuna unità abitativa).

Il bonus verde (anch’esso prorogato dalla manovra di bilancio 2021) è una detrazione fiscale del 36% per le spese sostenute a fronte di lavori di sistemazione del verde abitativo. È ammesso su una spesa massima di 5.000 euro per unità immobiliare abitativa.

Sia per il bonus mobili che per il bonus verde non è prevista la possibilità di optare, in luogo della detrazione fiscale, per lo sconto in fattura o cessione del credito.

Bonus mobili e bonus verde: modalità di pagamento

Al fine di godere del bonus mobili 2021 è necessario che la spesa risulti pagata con strumenti tracciabili. In dettaglio, il pagamento deve essere effettuato con:

  • bonifico ordinario (quindi non c.
    d. “parlante”)
  • oppure con carta di credito o debito.

Il bonus invece non spetta laddove il pagamento risulti effettuato:

  • in contanti
  • con assegno.

Anche il bonus verde compete solo laddove il pagamento della spesa risulti da strumento tracciabile. In questo, caso, tuttavia, a differenza del bonus mobili e grandi elettrodomestici è ammesso anche l’assegno (Circolare n. 19/E del 2020). Quindi, riepilogano il bonus verde spetta solo se il pagamento dell’onero è effettuato con una delle seguenti modalità:

  • assegni bancari, postali o circolari non trasferibili
  • carte di credito
  • bancomat
  • bonifico ordinario.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: , ,