Bonus 500 euro computer, tablet e internet, partono i controlli a campione

È iniziata la verifica a campione della sussistenza dei requisiti necessari per ottenere il bonus 500 euro.

di , pubblicato il
È iniziata la verifica a campione della sussistenza dei requisiti necessari per ottenere il bonus 500 euro.

Continua l’erogazione del Bonus 500 euro computer, tablet e internet. Si tratta di un contributo in favore delle famiglie a basso reddito, per la riduzione dei costi dei canoni di connessione ad internet in banda ultra larga; nonché per la fornitura dei relativi dispositivi elettronici: tablet o personal computer.

Dal 21 dicembre 2020, è iniziata la verifica a campione della sussistenza dei requisiti necessari dei cittadini per attivare i Voucher.

Lo rende noto Infratel Italia (la società incaricata dal Ministero per gestire questa misura) con il comunicato del 8 febbraio 2021. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Bonus 500 euro

Il bonus 500 euro, sostanzialmente, consiste in un contributo del valore di 500 euro, in favore delle famiglie a basso reddito (Isee inferiore a 20.000 euro). Esso può essere utilizzato come sconto sul prezzo di vendita dei canoni di connessione ad internet in banda ultra larga per un periodo di almeno dodici mesi e dei relativi servizi di attivazione, nonché per la fornitura dei relativi dispositivi elettronici (CPE) e di un tablet o un personal computer.

Avviati i controlli a campione

I cittadini, per poter beneficiare del Voucher, devono fornire, in fase di presentazione della domanda all’operatore, l’attestazione ISEE in corso di validità nell’anno corrente.

Con il comunicato del 8 febbraio 2021, Infratel italia ha reso noto che, già a partire dal 21 dicembre 2020, è iniziata la verifica a campione della sussistenza dei requisiti necessari dei cittadini per attivare i Voucher.

Infine, spiega la società, i controlli “sono svolti in automatico tramite il collegamento ai sistemi dell’Autorità incaricata, INPS, che permette di verificare la veridicità dell’ISEE dichiarato dal cittadino al momento della richiesta del Voucher all’Operatore”.

Articoli correlati

Argomenti: ,