Assegno unico, come comportarsi nel Modello 730/2022 per i figli a carico

La detrazione per i figli a carico sparisce con l’assegno unico. Vediamo come comportarsi nella compilazione del relativo prospetto in dichiarazione redditi

di , pubblicato il
730 precompilato 2022, cosa fare dal 31 maggio e perché non sbagliare

L’assegno unico per i figli a carico fa il suo debutto da marzo 2022 e sostituirà una serie di prestazioni e bonus percepiti fino ad oggi dai lavoratori e non. Tra ciò che sparisce ci sono le detrazioni per i figli a carico fino a 21 anni.

Ci riferiamo alla detrazione una tantum che spetta per i figli che, ai fini fiscali, possono considerarsi al carico del genitore (restano, invece, le detrazioni per le spese sostenute per i figli a carico).

A questo proposito, dunque, ci è chiesto se nel Modello 730/2022 (anno d’imposta 2021) bisogna, comunque, compilare il quadro dei familiari a carico, dove riportare il codice fiscale dei figli e la percentuale di detrazione spettante.

Assegno unico 2022: cosa non ci sarà più

In dettaglio, da marzo 2022, con l’assegno unico risulteranno abrogati:

  • il premio alla nascita o all’adozione (c.d. bonus mamma domani);
  • l’assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori
  • gli assegni familiari ai nuclei familiari con figli e orfanili
  • l’assegno di natalità (cd. bonus bebè)
  • le detrazioni fiscali per figli fino a 21 anni.

Restano, invece,

  • le detrazioni per figli a carico di età superiore a 21 anni; per coniuge a carico ed altri familiari
  • le detrazioni spese sostenute per figli, coniuge e altri familiari a carico (spese sanitarie, spese università, ecc.)
  • il bonus asilo nido.

Come comportarsi nella compilazione della dichiarazione redditi

Nessuna conseguenza ci sarà in termini di compilazione del prospetto dei familiari a carico nel Modello 730/2022 da presentare quest’anno. Ciò innanzitutto perché l’assegno unico sostituisce le predette prestazioni a partire dal mese di marzo dell’anno d’imposta 2022 (mentre il Modello 730/2022 riguarda l’anno d’imposta 2021).

Inoltre, nulla dovrebbe cambiare nemmeno per i prossimi anni, in quanto la compilazione del quadro dei familiari a carico (coniuge, figli e altri familiari) serve anche per determinare il godimento delle detrazioni spese sostenute per questi ultimi (che come detto, l’assegno unico non sostituisce).

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,