Assegno invalidità: si riduce in presenza di attività lavorativa?

Se si svolge attività lavorativa si rischia la decurtazione dell'assegno ordinario di invalidità?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
assegno invalidità nel pubblico impiego

Buon giorno volevo chiedere una cosa a lei grazie.

Io sono invalido IOART al 75% e prendo un assegno di 433.00€. Ho trovato lavoro da un mese con stipendio di 800€, mi possono abbassare l’assegno invalidità? 
Aspetto una risposta grazie ancora Buongiorno. 

L’assegno ordinario di invalidità è rivolto a coloro che hanno una capacità lavorativa ridotta a meno di un terzo a causa di infermità fisica o mentale.

Così come lei fa notare appartiene alla categoria IOART, ovvero ai lavoratori artigiani che percepiscono assegno di invalidità.

Così come si nota anche sul sito dell’Inps l’erogazione dell’assegno è compatibile con lo svolgimento dell’attività lavorativa anche se il suo importo è legato a delle soglie di reddito.

Se il beneficiario ha un reddito da lavoro troppo alto, infatti, l’ammontare dell’assegno potrebbe subire una riduzione: maggiore è il reddito maggiore sarà la decurtazione dell’assegno di invalidità.

Nel suo caso, però, può stare tranquillo, poiché il limite da non superare è 4 volte il trattamento minimo Inps e si parla, circa, di 2 mila euro al mese. Con lo stipendio corrisposto per il suo lavoro, quindi, l’assegno di invalidità non corre alcun rischio di essere ridotto.

Per approfondire le soglie di reddito entro le quali bisogna restare per non subire decurtazioni all’assegno di invalidità vi invito a leggere il seguente articolo: Assegno di invalidità 2016: quando è cumulabile con redditi da lavoro?

Per dubbi e domande contattami: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Welfare e previdenza, Assegno invalidità