Top 10 criptovalute: la Corea del Nord aggira le sanzioni USA grazie alle monete digitali secondo un recente studio

La Corea del Nord potrebbe lanciare una propria criptovaluta, ripercorrendo così le orme di altri Paesi colpiti pesantemente da sanzioni economiche.

di Chiara Lanari, pubblicato il
La Corea del Nord potrebbe lanciare una propria criptovaluta, ripercorrendo così le orme di altri Paesi colpiti pesantemente da sanzioni economiche.

Spesso le criptovalute vengono associate a criminali e operazioni illecite, nonostante sia limitativo discutere di questo settore nei termini della stampa tradizionale, come dimostra ad esempio la blockchain di Ripple e altri esempi recenti, in cui vi è coinvolta anche la Juventus. Un recente studio, portato avanti da Lourdes Miranda (analista indipendente) e Ross Delston (avvocato), pubblicato poi su Asia Magazine (come riferisce Cointelegraph), mette in luce lo sfruttamento dei mercati delle criptovalute da parte della Corea del Nord con l’obiettivo di aggirare le sanzioni degli Stati Uniti d’America.

La Corea del Nord lancerà una nuova criptovaluta?

Secondo Miranda e Delston, il regime di Pyongyang riuscirebbe a eludere le sanzioni degli USA “grazie all’aiuto di numerosi cambiavalute internazionali e all’utilizzo incrociato di svariati servizi, rispecchiando i cicli di riciclaggio di denaro” (virgolettato tradotto presente nell’articolo di Cointelegraph pubblicato lo scorso 26 settembre dall’autrice Ana Berman). Si ritiene inoltre possibile che nei prossimi mesi la Corea del Nord sia in grado di lanciare una propria criptovaluta, ripercorrendo così le orme di altri Paesi colpiti pesantemente da sanzioni economiche. Un esempio su tutti il Venezuela, che non molti mesi fa ha coniato il Petro, basato sull’esperienza di Ethereum. Oggi il Petro viene garantito dal valore dei barili di petrolio prodotti dal Venezuela. Occorre sottolineare come l’esperienza del Petro sia in realtà controversa e non abbia di fatto aiutato economicamente il Paese dell’America Latina, in perenne crisi da quando Maduro è salito al potere della Repubblica Bolivariana del Venezuela. Vedremo se Pyongyang realmente intende muoversi nell’ottica di una nuova criptovaluta nordcoreana, mentre difficilmente ci saranno prove concrete in merito allo studio condotto dall’analista Lourdes Miranda e dall’avvocato Ross Delston.

La classifica delle migliori 10 criptovalute aggiornata ad oggi 28 settembre

Bitcoin $6.529,74 (-0,06%)
Ethereum $218,69 (-0,28%)
Ripple $0,532343 (-0,56%)
Bitcoin Cash $561,11 (+8,75%)
EOS $5,64 (+0,08%)
Stellar $0,260809 (+3,91%)
Litecoin $63,24 (+7,45%)
Tether $1,00 (+0,01%)
Cardano $0,085380 (+4,65%)
Monero $117,22 (+1,02%)

Leggi anche: Come diventare ricchi con le criptovalute: tre consigli per chi vuole investire nel 2018

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bitcoin, Economia Europa, Economia Italia, Economia USA