Come diventare ricchi con le criptovalute: tre consigli per chi vuole investire nel 2018

E' possibile diventare ricchi con le criptovalute? I consigli da seguire per fare soldi investendo nelle monete virtuali.

di Chiara Lanari, pubblicato il
E' possibile diventare ricchi con le criptovalute? I consigli da seguire per fare soldi investendo nelle monete virtuali.

Bitcoin, Ethereum, Ripple. Sono le tre criptovalute sulla bocca di tutti, sia investitori che soprattutto persone comuni, che hanno cominciato ad interessarsi dell’universo della valuta digitale quando il Bitcoin sembrava che potesse raggiungere un valore pari a 20 mila dollari alla fine del 2017. Le criptomonete sono lo strumento attraverso il quale si spera di poter cambiare la propria vita dall’oggi al domani, magari con un minimo investimento, il più delle volte inferiore ai 1.000 euro. Nel nostro approfondimento di oggi vi diamo qualche dritta su come diventare ricchi con le criptovalute, avendo sempre come punto di riferimento l’anno in cui stiamo vivendo, ovvero il 2018. Non è un dettaglio trascurabile.

#1 Conosci il progetto

Quando si vuole investire in criptovalute, la prima cosa da fare è conoscere la criptomoneta su cui si sta riponendo la propria fiducia. Studiarne il progetto alla base è il primo passo da compiere se realmente si valuta un investimento serio, che a volte può richiedere anche un paio di anni prima che si concretizzi. Ad oggi, le due criptovalute che hanno più margini di crescita, tra le più conosciute, sono Ethereum e Ripple, che non a caso occupano rispettivamente la seconda e terza posizione nella top 10 delle criptomonete, oggetto del nostro approfondimento quotidiano da un paio di settimane a questa parte.

#2 Arriva prima degli altri

Nel mondo della finanza, in particolar modo tra gli investitori, è risaputo che compiere un investimento su un prodotto non ancora conosciuto dalla massa possa riservare grandi soddisfazioni nel medio-lungo termine. E’ stato il caso, ad esempio, di chi ha iniziato ad investire sul Bitcoin nel 2013, quando il valore era ancora ai minimi termini. Oppure chi ha messo le mani su un discreto quantitativo di Ripple nell’estate 2017, quando il valore ammontava a qualche centesimo. Quando invece un oggetto, in questo caso una criptovaluta, finisce sui giornali locali e nazionali, è ormai troppo tardi. Questo secondo punto è strettamente collegato al primo, in quanto velocità di esecuzione non significa approssimazione. Alla base ci deve sempre essere la conoscenza del progetto alla base della criptomoneta, che permette di capire in che cosa si differenzia dalle altre e quali sono le sue potenzialità.

#3 Investi con gli strumenti giusti

Una volta che si è scelta la criptovaluta su cui investire, è fondamentale farlo con gli strumenti giusti, i quali devono essere l’abito perfetto per ciascuno di noi. Per chi non vuole preoccuparsi ogni secondo della salita o discesa della moneta virtuale, l’investimento più consigliato è l’acquisto diretto della criptovaluta in una piattaforma di Exchange. Di questo ne abbiamo parlato in maniera più approfondita nella guida su come comprare le criptovalute. Se invece si decide di investire sulla valuta digitale con il trading, dunque nel breve termine, si deve prima di tutto conoscere il meccanismo del trading con i CFD offerto dai tanti broker disponibili per iniziare ad affacciarsi sul mondo delle monete virtuali. Allo stesso modo, si deve avere una mentalità, un carattere, che ben si adatta alle continue oscillazioni di questo specifico mercato.

Leggi anche: Come investire in criptovalute: la guida per tutti

Top 10 criptovalute: weekend senza scossoni, Bitcoin mostra i suoi limiti

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bitcoin, Economia Europa, Economia Italia, Economia USA