Sacchetti biodegradabili per supermercati: ecco quali si possono portare da casa

Il Ministero della Salute ha annunciato che non c'è più l'obbligo dell'acquisto dei sacchetti biodegradabili dentro i supermercati.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Il Ministero della Salute ha annunciato che non c'è più l'obbligo dell'acquisto dei sacchetti biodegradabili dentro i supermercati.

Sacchetti biodegradabili, si cambia. A inizio anno la polemica riguardante le buste da utilizzare all’interno dei supermercati e dei negozi di alimentari aveva raggiunto anche il mondo politico. A farne le spese allora fu Matteo Renzi, accusato di aver voluto fare un regalo all’azienda di un’amica attraverso la nuova legge che obbligava i consumatori ad acquistare uno o più sacchetti bio durante la spesa, a patto che venissero acquistati prodotti nel reparto frutta e verdura. La disinformazione generale, inoltre, aveva portato a credere che i prezzi sarebbero stati esorbitanti, facendo da subito riferimento a una nuova tassa occulta, salvo poi scoprire che in un anno, probabilmente, la spesa non sarebbe stata superiore ai 10-12 euro per famiglia.

La decisione del Ministero della Salute

Nelle ultime ore, il Ministero della Salute ha annunciato che non c’è più l’obbligo dell’acquisto dei sacchetti biodegradabili dentro i supermercati. La nuova circolare rilasciata dal ministero italiano fa riferimento ad una recente sentenza del Consiglio di Stato (datata al 21 marzo scorso), secondo cui l’utilizzo dei sacchetti da casa è consentito. Dunque, cambia di nuovo tutto. Stavolta la decisione dovrebbe essere definitiva. I cittadini, da ieri, conoscono finalmente le regole d’oro da seguire per un corretto utilizzo dei sacchetti biodegradabili portati da casa.

Sacchetti bio a pagamento, nuova beffa: etichetta non compostabile, inutile per l’umido

Sacchetti devono essere nuovi e monouso

Per prima cosa, i sacchetti bio utilizzabili da casa devono essere nuovi e monouso, dunque non utilizzati in precedenza né tantomeno riutilizzabili in seguito. Inoltre, devono essere idonei per contenere gli alimenti. L’ultima caratteristica che i sacchetti biodegradabili devono possedere è quella di essere compostabili, vale a dire dopo il loro utilizzo devono potersi trasformare in un composto (non è sufficiente che siano biodegradabili). La recente  circolare del Ministero della Salute informa inoltre che sarà cura dello staff del supermercato verificare l’idoneità o meno del sacchetto, vietando eventuali buste non a norma.

Leggi anche: Sacchetti bio frutta e verdura: ecco cosa cambia dopo l’intervento del Consiglio di Stato

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Inchieste alimentari e scandali economici