Rincari Energia anche per i prossimi anni, ma possiamo difenderci con il Bonus Bollette

Rincari dell’energia previsti anche per i prossimi anni in tutta Europa. Il governo pensa ad un nuovo Bonus Bollette.

di , pubblicato il
Rincari per bollette di luce e gas

La stangata sulle bollette non accenna a fermarsi. Nei prossimi due anni, i prezzi per l’energia potrebbero ancora salire. Sono queste le ultime previsioni di S&P Global Ratings, uno dei principali fornitori al mondo di rating e analisi di credito indipendente, nel suo report “The Energy Transition And What It Means For European Power Prices And Producers”.

Secondo questo studio, i prezzi dell’energia aumenteranno in cinque dei principali mercati europei nel periodo 2021-2023 più di quanto inizialmente previsto. Ecco i motivi alla base di questi rincari.

Aumentano le bollette ecco i motivi

Le ragioni di questo cambiamento, secondo quanto si legge nello studio di S&P Global Ratings, sono principalmente due:

  • L’aumento dei prezzi delle materie prime;
  • le chiusure anticipate degli impianti di generazione di energia convenzionale (in particolare nucleare e carbone) come parte delle rigorose politiche energetiche di decarbonizzazione in tutta Europa.

Il ritmo di messa in servizio dei nuovi progetti e interconnessioni rinnovabili non sarà sufficiente a compensare la perdita di “capacità convenzionale”.

Insomma, un cocktail esplosivo che, nei prossimi due anni, farà aumentare ancora i prezzi delle bollette.

S&P Global Ratings, in particolare, prevede un aumento dei prezzi dell’energia nel 2022 e nel 2023, ben al di sopra dei livelli del 2019, in quasi tutti i principali mercati europei.

I governo dovranno necessariamente intervenire

Ciononostante, S&P avverte che un costo elevato dell’energia implica anche “un aumento dei rischi politici”.

In sintesi, i governi potrebbero introdurre degli interventi atti a limitare l’aumento delle bollette energetiche. “Gestire l’impatto sociale della transizione energetica è un pilastro fondamentale delle politiche climatiche europee”.

In Italia, ad esempio, il governo starebbe lavorando a un nuovo decreto per mitigare tali rincari.

Secondo il Messaggero, saranno stanziati a 4-5 miliardi di euro. Risorse sufficienti a coprire circa un terzo del conto. Inoltre, dovrebbe essere potenziato anche il cosiddetto bonus sociale, destinato alle famiglie più povere per il pagamento di elettricità e gas.

 

Articoli correlati

Argomenti: