Il prezzo dell’energia esplode e mette a repentaglio la ripresa dell’economia

Il prezzo dell'energia elettrica continua a salire e si diffonde il timore che possa rallentare la crescita dell'economia dopo il Covid

di , pubblicato il
Prezzo dell'energia atteso in forte rialzo

Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ha espresso il timore che il prezzo dell’energia elettrica possa esplodere presto del 40%. E ciò, nonostante il governo Draghi abbia stanziato 1,2 miliardi di euro per contenere i rincari delle bollette al 10%. Il prezzo del petrolio si è impennato quest’anno del 40%, salendo in area 70-75 dollari. Le quotazioni sono trainate dalla ripresa della domanda dopo lunghi mesi di consumi in crollo verticale per via delle restrizioni imposte dai governi contro il Covid.

E poi c’è la difesa dell’ambiente. Il prezzo dell’energia sale anche perché inquinare costa molto di più che in passato. L’Unione Europea fissa per ciascuna delle circa 11.000 fabbriche sparse sul suo territorio quote annuali di inquinamento, superate le quali il soggetto che inquina deve acquistare i permessi sul mercato da altri soggetti che dispongono di quote rimaste inutilizzate. In sostanza, sul mercato ci si scambia quote di CO2. Quest’anno, i loro prezzi sono letteralmente esplosi, arrivando a un massimo storico di 62,75 dollari per tonnellate nei giorni scorsi. Un anno fa, arrivavano a stento a 26 dollari.

Prezzo dell’energia su, l’ambientalismo costa

Questo sistema di aste è finalizzato ad incentivare il disinquinamento. Chi inquina meno, viene pagato da chi inquina di più. E di anno in anno, le quote di inquinamento massimo consentite dalla UE sono volutamente abbassate per raggiungere gradualmente l’obiettivo di tagliare le emissioni inquinanti del 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990 e di centrare la neutralità carbonica entro il 2050. L’altra faccia della medaglia è quella a cui stiamo assistendo in questi mesi: prezzo dell’energia alle stelle.

Facciamo tutti presto ad applaudire Greta Thunberg.

All’atto pratico, le ricette per ridurre l’inquinamento velocemente hanno un costo, che ricade sulle famiglie. La stangata in bolletta sarebbe l’ultimo avvenimento di cui avremmo bisogno in una fase delicata come questa di rimbalzo del PIL dopo il Covid. Una maggiore spesa per luce e gas, a parità di redditi, comporterà minore disponibilità di spesa per altre voci di consumo.

L’Italia è particolarmente esposta al problema, non possedendo materie prime con cui attutire il colpo. Finora, abbiamo beneficiato di tassi d’inflazione nettamente più bassi della media europea e, soprattutto, di economie come la Germania. Il rischio è che dissipiamo questo vantaggio, finendo per subirne le conseguenze sulle esportazioni, una voce fondamentale per la nostra economia nell’ultimo decennio.

[email protected] 

Argomenti: ,