Petrolio, prezzi boom sulle voci di un intervento saudita: Putin media

Boom del prezzo del petrolio oggi, dopo il comunicato russo-saudita sul "congelamento" della produzione. Vladimir Putin tenta la mediazione con l'Iran.

di , pubblicato il
Boom del prezzo del petrolio oggi, dopo il comunicato russo-saudita sul

Le quotazioni del petrolio sono cresciute fino a oltre il 4% oggi, dopo che Russia e Arabia Saudita hanno emanato un comunicato congiunto, nel quale annunciano sforzi comuni per stabilizzare il mercato del greggio, al termine dell’incontro tenutosi tra il presidente russo Vladimir Putin e il numero due del Regno Saudita, Principe Mohammed bin Salman, sullo sfondo del G-20 in Cina.

Già nei giorni scorsi, il leader di Mosca aveva esternato l’intenzione di collaborare con l’OPEC per ravvivare i prezzi, tanto che si apprende che il primo produttore e secondo esportatore di greggio del pianeta invierà una sua delegazione al vertice OPEC di novembre.

Stando alle indiscrezioni, Putin starebbe mediando con il Principe bin Salman, chiedendo un “congelamento” della produzione da parte dei membri dell’OPEC e della Russia, ma consentendo all’Iran di continuare ad aumentare la sua produzione, essendo il paese uscito da poco da oltre 4 anni di embargo contro le sue esportazioni da parte dell’Occidente.

La mediazione russa di Putin

E l’attivismo russo potrebbe rivelarsi la carta vincente per il cartello. Mosca gode di ottimi rapporti sia con gli iraniani, sia con i sauditi, oltre che con paesi come il Venezuela, tra i maggiori sostenitori di un accordo. La mediazione di Putin, quindi, potrebbe risolvere quel problema apparentemente insormontabile, dato dalle ostilità geo-politiche sempre più aspre tra Riad e Teheran per il dominio della regione mediorientale.

Finora, i sauditi si sono mostrati disponibili a stabilizzare la loro produzione, a patto che facciano altrettanti “tutti” gli altri partner dell’OPEC, inclusa l’Iran. Questa, tuttavia, non ha alcuna intenzione di cessare l’aumento della produzione, ambendo a tornare ai livelli pre-sanzioni, ma finendo così per “rubare” quote di mercato ai concorrenti sauditi.

 

 

Prezzi petrolio, vertice OPEC a fine mese

Per cercare di dare soluzione al problema delle basse quotazioni, che si trascina ormai da un paio di anni, il Venezuela, in particolare, ha chiesto e ottenuto la convocazione di un vertice OPEC informale per la fine del mese, che si terrà ad Algeri.

La Russia non dovrebbe far parte dei colloqui, anche se il dialogo apertosi inaspettatamente con Riad in Cina potrebbe valere più della riunione ad hoc nella capitale nordafricana.

Al momento, il prezzo del Brent segna un rialzo del 2,58% a 48,04 dollari, quello del Wti americano del 2,45% a 45,53 dollari. Resta il fatto, che a parole è dall’inizio dell’anno che sauditi e russi concordano di collaborare per dare sollievo alle quotazioni petrolifere, ma nei fatti accade il contrario. E, soprattutto: cosa potrà offrire la Russia alla mediazione con gli iraniani, tale da convincere finalmente i sauditi a tagliare o “congelare” la sua quota di produzione?

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , , , ,
>