Il vaccino Johnson & Johnson ottiene il via libera dall’EMA, ecco perché cambia molto per l’Europa

L'autorizzazione alla commercializzazione è un punto di svolta per le campagne vaccinali nella UE. Si tratta del primo monodose anti-Covid

di , pubblicato il
Arriva il vaccino J&J

L’EMA, l’Agenzia del farmaco europea, ha rilasciato l’autorizzazione a Johnson & Johnson per commercializzare nell’Unione Europea il suo vaccino anti-Covid. La notizia è stata resa nota ieri dalla stessa autorità, che con un tweet ha voluto rimarcare il fatto che si tratti del primo vaccino monodose contro la pandemia in corso a cui è stato dato il via libera nella UE. L’esito era atteso da giorni e scontato dopo il via libera della Drug & Food Administration. Per i 27 stati comunitari sarà un punto di svolta. Anzitutto, il solo fatto che il vaccino J&J non richieda il richiamo semplifica e accorcia i tempi di immunizzazione della popolazione. Secondariamente, la stessa logistica ne trae beneficio, perché queste fiale si tengono a temperature comprese tra 2°C e 8°C.
La UE ha prenotato 400 milioni di dosi, di cui 200 milioni sono attese entro la fine dell’anno. Di questi, 55 milioni dovrebbero arrivare già nel secondo trimestre, sebbene nei giorni scorsi sia circolata la notizia ufficiosa che la casa farmaceutica americana non sarebbe in grado di consegnare le forniture promesse, ma arriverebbe solo alla metà. J&J non ha confermato, né smentito l’indiscrezione, limitandosi a rassicurare sulla fornitura di tutte le 200 milioni di dosi promesse entro l’anno.
Quanto all’Italia, 7,3 milioni di dosi dovrebbero arrivarci entro fine giugno e 27 milioni nell’intero 2021. Il costo sostenuto dalla UE per fiala è di 7 euro. Se le consegne venissero rispettate, da solo il vaccino J&J consentirebbe al nostro Paese di immunizzare il 12% della popolazione entro il secondo trimestre e quasi la metà entro l’anno.

Debutto amaro per Draghi e flop di Arcuri: vaccinazioni troppo lente e “lockdown” che aggravano la crisi

I timori su AstraZeneca, aspettando anche lo Sputnik

Disporre di un numero elevato di vaccini differenti contribuirà ad allentare la dipendenza da una sola casa farmaceutica e, non marginalmente, a rassicurare la popolazione.

In questi ultimi giorni stanno moltiplicandosi le notizie negative su AstraZeneca. La Danimarca ha deciso di sospendere in via cautelare la campagna vaccinale con le dosi fornite dalla società britannica, a seguito di un decesso sospetto. Lo stesso hanno fatto subito dopo Norvegia, Islanda e gli stati baltici. Un lotto è stato ritirato anche dal mercato italiano dopo che un militare della Marina e un agente della Polizia di Stato sono deceduti in Sicilia successivamente al ricevimento della prima dose. Il nesso di causalità non è provato, anzi per uno dei due viene escluso dalla Regione Siciliana, ma cionondimeno l’Aifa ha deciso di procedere al ritiro.
Tornando a J&J, nei fatti dimezzerà i tempi della vaccinazione in corso per via dell’assenza dei richiami. Lo stesso varrebbe per Sputnik V, il vaccino russo allo studio dell’EMA e che in caso ricevesse l’autorizzazione accrescerebbe la pressione sulla Commissione europea per fare domanda a Gamaleya di rifornire la UE. Tuttavia, ad oggi non risulta pervenuta alcuna richiesta di immissione in commercio da parte di Mosca, condizione preliminare per ottenere il via libera. Ma non saranno le formalità a bloccare l’eventuale commercializzazione anche in Europa dello Sputnik, rivelatosi efficace nel 91,6% dei casi, quanto le tensioni geopolitiche tra UE e Russia.

L’Italia produrrà il vaccino russo Sputnik V, altra sfida di Draghi alla Commissione UE

[email protected]

 

 

 

Argomenti: , , , , ,