Cambio euro-dollaro ai massimi da 9 mesi, prosegue l’ascesa verso 1,10

Il cambio euro-dollaro continua a salire verso la soglia di 1,10, portandosi ai massimi dall'aprile 2022. Ecco cosa smuove il mercato forex.

di , pubblicato il
Cambio euro-dollaro sopra 1,08

Per la prima volta dopo nove mesi, il cambio euro-dollaro ieri ha sfondato il muro di 1,08, compiendo un ulteriore passo verso la soglia di 1,10. Il mercato forex ha preso a pretesto il dato sull’inflazione negli Stati Uniti a dicembre per vendere la divisa americana. L’indice dei prezzi al consumo è sceso per il sesto mese di fila e si è portato al 6,5% dal 7,1% di novembre. Le aspettative degli analisti sono state centrate in pieno. Questo dato allenta la pressione sulla Federal Reserve e mitiga in prospettiva i futuri rialzi dei tassi d’interesse. Subito dopo la pubblicazione del dato, stando ai contratti di CME Group, gli investitori si aspettavano un rialzo dei tassi fino all’apice del 5% per metà anno, seguito da un probabile taglio dello 0,25% già per settembre. Per fine anno, i tassi FED sarebbero al 4,50% come oggi.

Quanto ai tassi della Banca Centrale Europea (BCE), sono attesi fino al 3,50% entro settembre dal 2,50% di oggi.

Questo dicono le aspettative sull’Euribor a 3 mesi. A fine dicembre, le attese erano per un apice dei tassi fino al 3,75%. La divergenza monetaria tra le due grandi banche centrali si sta riducendo sia nei fatti che rispetto alle attese future. Questo dà una mano al cambio euro-dollaro a risalire dopo le pesanti perdite accusate nel corso del 2022. Il cross era sceso a un minimo di 0,95 a settembre, mai così basso sin dal 2002.

Questo trend è gradito e segretamente perseguito dalla BCE, la cui retorica da “falco” – vedi le esternazioni di questi giorni del governatore Christine Lagarde e del consigliere esecutivo Isabel Schnabel – mira proprio ad accelerare l’apprezzamento del cambio euro-dollaro. Esso contribuisce a disinflazionare l’economia dell’Area Euro, rendendo meno costosi i beni importati.

Tra questi, ad esempio, il petrolio e altre materie prime.

Cambio euro-dollaro su con gas e petrolio giù

Tra l’altro, il calo costante dell’inflazione negli Stati Uniti lascia presagire che qualcosa di simile accadrà anche nell’Area Euro. Se è vero che la situazione nel Vecchio Continente appare più seria a causa del caro energia, d’altra parte il prezzo del gas è sceso in questi giorni ai minimi da novembre 2021 tra 65 e 70 euro per Mega-wattora. Un quadro che depone a favore delle prospettive di crescita. Ma la BCE ha alzato le stime d’inflazione per quest’anno al 6,3% nell’unione monetaria, un fatto che irrobustisce la sensazione che il prossimo rialzo dei tassi a inizio febbraio sia dello 0,50%, così come verosimilmente il successivo.

Ad oggi, comunque, l’apprezzamento del cambio euro-dollaro di questi mesi non è riconducibile alla forza della moneta unica, bensì all’indebolimento del biglietto verde. Lo yen si è rafforzato dai minimi di ottobre del 13,3%, la sterlina inglese del 14,5%. Dunque, il +12,5% messo a segno dalla nostra valuta non è un evento eccezionale, ma s’inserisce perfettamente nel trend globale. Un eventuale rottura della soglia di 1,10 arriverebbe con dati macroeconomici migliori delle previsioni per l’Area Euro. Se il PIL schivasse la recessione, come inizia a scontare Goldman Sachs, o crescesse più delle attese nella prima parte dell’anno, l’euro riuscirebbe finanche a cancellare le perdite dello scorso anno. Era entrato nel 2022 ad un cambio di 1,1350 contro il dollaro.

[email protected] 

 

Argomenti: