Basta smart working: perché grandi imprese e banche stanno facendo tornare i dipendenti in ufficio

Il lavoro a distanza non piace ai dirigenti di molte grandi aziende, i quali stanno facendo tornare i dipendenti in ufficio. Ecco le ragioni.

di , pubblicato il
Smart working, basta per molte multinazionali

Con la pandemia, decine di milioni di persone nel mondo hanno potuto continuare a lavorare grazie allo “smart working”. Il lavoro a distanza, perlopiù da casa, è considerato il “new normal” del mercato del lavoro post-Covid. Eppure, nei mesi scorsi il CEO di Goldman Sachs, David Salomon, ha giudicato “aberrante” questa prospettiva, chiarendo che farà in modo che entro settembre non ci sia una nuova classe di tirocinanti assunti a distanza.

Nel frattempo, anche Tim Cook chiede ai dipendenti di Apple di tornare in ufficio tre giorni a settimana, pur senza obbligo di indossare la mascherina. Ma un sondaggio realizzato tra 1.749 lavoratori di Cupertino ha trovato che ben il 90% sarebbe contrario alla fine dello smart working e un’elevata percentuale prenderebbe in considerazione persino di passare ad un’altra azienda.

Facebook per il momento sta lasciando libertà di scelta ai lavoratori, mentre Twitter ha annunciato che lo smart working per i suoi dipendenti sarà per sempre. Google ha seguito, invece, l’esempio di Apple e richiede la presenza in ufficio per tre giorni a settimana. In Italia, Unicredit consentirà ai suoi dipendenti di lavorare a distanza per un paio di giorni a settimana.

Le resistenze allo smart working

Eppure, lo smart working consentirebbe a molti lavoratori di evitare di vivere a ridosso delle sedi aziendali, spesso in aree urbane costosissime, come la Silicon Valley e New York per restare in America. In Italia, non sarebbe necessario per un giovane del Meridione spostarsi a Milano per lavorare alle dipendenze di una grossa società. Ma c’è una ragione per cui si avvertono così forti resistenze tra i dirigenti d’impresa: hanno investito sinora in sedi costosissime e centrali, che rischiano adesso di deprezzarsi molto.

Se lo smart working attecchisse definitivamente, che ne sarebbe degli enormi grattacieli nei centri delle grandi città? Rimarrebbero vuoti e infliggerebbero perdite patrimoniali alle multinazionali. Ma sarebbe come pensare di fermare un’onda del mare con la mano. Il fenomeno è già in evoluzione e le nuove realtà stanno accaparrandosi i migliori talenti di tutto il mondo, non avendo l’esigenza di assumerli nelle vicinanze delle loro sedi. Non hanno investito in immobili da dover necessariamente riempire di scrivanie inutili e possono permettersi di adottare lo smart working come misura stabile e per tutti. Le resistenze delle multinazionali “old style” saranno piegate dal mercato: o si adattano o rimarranno a corto di talenti e con uffici costosi da mantenere.

[email protected] 

Argomenti: