Banche: quanto guadagnano gli amministratori delegati (anche 100 volte di più dei dipendenti)

Quanto guadagnano gli amministratori delegati delle banche? Un dipendente della banca dovrebbe lavorare tre vite per avere la stessa retribuzione annuale.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Quanto guadagnano gli amministratori delegati delle banche? Un dipendente della banca dovrebbe lavorare tre vite per avere la stessa retribuzione annuale.

Quanto guadagna un amministratore delegato delle banche? Tanto, anzi tantissimo, anche 100 volte in più rispetto ad un dipendente della banca che dovrebbe lavorare tre vite per avere la stessa retribuzione annuale. A sostenerlo è uno studio del sindacato First Cisl, riportato da Ansa,  il quale ha raffrontato il salario dei dipendenti delle banche con quelli degli ad che, in alcuni casi, arrivano a prendere fino a 122 volte in più. Lo studio fa emergere delle diseguaglianze enormi che lo stesso segretario First, Giulio Romani, ha considerato inaccettabile spiegando che “serve una legge che raccolga le norme europee e internazionali e almeno un terzo dei salari manageriali deve essere vincolato all’effettivo conseguimento di obiettivi, verificabili, di natura sociale quali, ad esempio, la crescita dell’occupazione, la stabilità di valore dei prodotti finanziari emessi, la qualità del credito erogato e l’offerta di educazione finanziaria alla clientela”.

La classifica dei 10 miliardari nati poveri che sono diventati ricchi

Gli amministratori delegati e il salario stellare

Bisogna dirlo, gli ad delle banche guadagnano stipendi stellari se raffrontati con quelli dei dipendenti dello stesso settore. L’indagine ha fatto anche degli esempi pratici per capire più o meno i reali importi. Ad esempio Jean Pierre Mustier, ad di UniCredit, incasserebbe 6.200 euro al giorno con la parte azionaria, totale 2,3 milioni di euro che raffrontati ai salari medi del gruppo sono pari a 53. Carlo Messina, amministratore delegato di Intesa avrebbe incassato 5,5 milioni di euro; ci vorrebbero 122 dipendenti per raggiungere tale cifra. Incassi imponenti anche per Marco Morelli, ad del Monte dei Paschi, con 1,1 milione raffrontato alla paga di 22 dipendenti, Giuseppe Castagna del Banco Bpm e Victor Massiah, di Ubi, con 1,5 e 1,6 milioni di euro. A scendere ci sono Paolo Fiorentino, ad di Carige, che ha incassato 723 mila euro, e Mauro Selvetti di Creval.

Leggi anche: I Working poor italiani: lavoratori con stipendio ma a rischio povertà

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Crisi delle banche, Economia Italia