Amazon e Poste: accordo storico per consegna in giornata e nuovi servizi per l’e-commerce

Accordo storico tra Amazon e Poste per la consegna in giornata in 9 città e altri servizi che puntano allo sviluppo dell'e-commerce.

di , pubblicato il
Accordo storico tra Amazon e Poste per la consegna in giornata in 9 città e altri servizi che puntano allo sviluppo dell'e-commerce.

Poste Italiane e Amazon si sono accordate per la consegna in giornata in alcune città italiane, nell’accordo anche il ritiro presso i tabaccai. Il gruppo guidato da Matteo Del Fante, dunque, accelera lo sviluppo dell’e-commerce. 

Consegna in 9 città

Poste Italiane ha tutta l’intenzione di accelerare i servizi e-commerce e coinvolgere sempre più consumatori. La consegna in giornata è stata attivata in alcune città: Bari, Bologna, Firenze, Milano, Napoli, Padova, Roma, Torino, Verona tramite i portalettere e anche di pomeriggio.

Oltre alla consegna in giornata, l’accordo prevede anche l’aumento del numero dei centri in cui è in funzione il servizio di recapito durante il sabato e le località con consegna entro 24 ore, tra cui Sicilia e Sardegna. Cresce anche il servizio “Punto Poste” dei punti in cui è possibile consegnare resi o ritirare acquisti online che comprende 3000 tra tabaccai ed esercizi commerciali affiliati e 350 lockers automatici.

Nel comunicato del colosso si legge: “La collaborazione con Amazon valorizza appieno la flessibilità offerta dal modello di recapito Joint Delivery introdotto ad aprile dell’anno scorso che prevede la consegna pomeridiana e nei week-end attraverso la capillare presenza territoriale garantita da circa 27.000 portalettere, dal corriere espresso SDA e dalla flotta MistralAir, la compagnia aerea del Gruppo”.

Negli Usa chiude Amazon Restaurants

E se in Italia il colosso dell’e-commerce si espande tra collaborazioni e l’apertura di magazzini, nel mercato americano, troppo affollato, dal 24 giugno chiuderà Amazon Restaurants, il servizio di consegna di cibo a domicilio. Il servizio era stato lanciato nel 2015 a Seattle con lo scopo di consegnare anche i pasti agli abbonati Prime e non solo il cibo. Il servizio non ha avuto il successo sperato e per adesso si è deciso di chiuderlo. Da quello che si apprende, i dipendendenti impegnati nelle consegne dei pasti saranno ricollocati da Bezos. Nel frattempo, come riporta Agi, poco tempo fa Amazon avrebbe investito  575 milioni di dollari in Deliveroo, molto forte in Europa ma non presente nel mercato americano.

Leggi anche: Il nuovo business di Amazon: le consegne dei pacchi affidate ai droni

La rivoluzione di Amazon: tra consegne nei negozi e i robot che preparano i pacchi

.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,
>