Nuova policy per YouTube, cosa cambia dal primo giugno?

Novità per YouTube, dal primo giugno nuova policy per la piattaforma.

di , pubblicato il
YouTube

Nuova policy anche per YouTube, nella giornata di ieri gli utenti della piattaforma hanno ricevuto un messaggio su Gmail, nel quale viene specificato a chiare lettere cosa cambierà dal primo giugno. Facciamo insieme il punto della situazione.

YouTube, nuove condizioni di utilizzo

Cambiamenti in atto per YouTube? In realtà, più che vere e proprie modifiche, sembra una precisazione quella fatta da YouTube nella mail che ha inviato a tutti i suoi iscritti. In buona sostanza infatti non cambia assolutamente nulla, soprattutto a livello pratico. Ma andiamo a vedere nel dettaglio cosa ha appunto detto la piattaforma attraverso questa mail rilasciata per tutti i suoi iscritti:

Restrizioni relative al riconoscimento facciale: i Termini di servizio stabiliscono già che non è consentito raccogliere alcuna informazione potenzialmente utilizzabile per identificare una persona senza il suo permesso. Sebbene questo principio abbia sempre incluso anche i dati del riconoscimento facciale, i nuovi Termini lo indicano chiaramente.

Diritto di YouTube di monetizzare i contenuti: YouTube ha il diritto di monetizzare tutti i contenuti presenti sulla piattaforma e di inserire annunci nei video di canali che non aderiscono al Programma partner di YouTube.

Pagamenti di royalty e ritenute fiscali: per i creator che percepiscono entrate, tale pagamento sarà trattato alla stregua di royalty ai fini dell’imposizione fiscale negli Stati Uniti e Google applicherà le ritenute fiscali ove previsto dalla legge.

Il messaggio parla di riepilogo delle variazioni. Si tratta quindi evidentemente di reali modifiche per questi tre punti. La prima comunque ci sembra scontata, ma è elemento di discussione proprio recente anche all’interno della Commissione Europea, in merito soprattutto all’intelligenza artificiale. Anche il secondo passaggio è abbastanza scontato, dobbiamo quindi dedurre che precedentemente, ossia prima d’ora, non fosse così.

Infine, la terza variazione riguarda probabilmente la parte più interessante, ovvero il pagamento per i creator, dal primo giugno quindi sarà perfettamente omologato al sistema statunitense.

YouTube e I nuovi termini

Come accettare i nuovi termini o rifiutarli? Se ve lo state chiedendo, basterà semplicemente continuare a usare la piattaforma, o eliminare il vostro account prima di tale data. Nella parte conclusiva del testo infatti si legge: “I nuovi Termini entreranno in vigore il 1° giugno 2021 per gli utenti al di fuori degli Stati Uniti. Continuando a utilizzare YouTube dopo tale data, accetterai implicitamente i nuovi Termini. Tieni presente che se permetti a tuo figlio di usare YouTube Kids, accetterai i nuovi Termini anche a nome suo”.

Potrebbe interessarti anche Google e Lega Serie A contro la pirateria, pugno di ferro contro lo streaming illegale

Argomenti: , ,