WhatsApp lancia i messaggi che si cancellano in automatico, ecco come si fa

Grande novità per tuti coloro che vogliono mantenere segreti su WhatsApp, arrivano i messaggi effimeri, ecco come attivarli.

di , pubblicato il
WhatsApp

Alla fine ci siamo, annunciati già da diverso tempo come semplice rumors, ora arriva la conferma ufficiale, WhatsApp sta per lanciare i messaggi effimeri, quelli che si autoeliminano dopo un determinato periodo di tempo scelto dall’utente.

WhatsApp, messaggi effimeri

Una funzione nuova che ha per nome quello che sembra una critica morale. Che i messaggi di WhatsApp siano sempre stati effimeri, come le relazioni che crea tra gli utenti, è ormai cosa nota. Scherzi e battute a parte, è notorio ormai che il boom dei social è dovuto soprattutto a relazioni più o meno romantiche che si focalizzano tra le chat. È una tendenza che ormai ha più di un decennio alle spalle, ed ha cambiato in tutti i modi i rapporti sociali, purtroppo in peggio, almeno secondo la stragrande maggioranza dei sociologi.

Detto questo, oggi i messaggi effimeri di WhatsApp sono altra cosa, e riguardano testi che dopo un tot di tempo di cancellano in automatico. Naturalmente, anche in questo caso, la funzione è particolarmente utile se si vuole mantenere segreta una data affermazione e informazione, quindi confessare qualcosa a un amico, oppure inviare paroline dolci all’amante, in entrambi i casi si avrà la tranquillità di poterlo fare sapendo che dopo un po’ di tempo quelle parole verranno eliminate dalla chat.

WhatsApp, come attivare i messaggi effimeri

È stato proprio Mark Zuckerberg a confermare la cosa, non ci sono quindi più dubbi sull’arrivo di questa nuova funzione che ha la medesima procedura di attivazione sia da iOS che da Android, ecco come si fa:

Entrare in Impostazioni
Account
Privacy
Timer predefinito messaggi
Scegliere l’opzione che ci interessa (24 ore, 7 giorni, 90 giorni, No)

Potrebbe interessarti anche WhatsApp lontano dagli spioni, questo è il trucco per proteggere per sempre le vostre chat

Argomenti: ,