WhatsApp, arrivano le reazioni, ecco la funzione per reagire ai messaggi con gli emoji

Cosa sono le reazioni di WhatsApp?

di , pubblicato il
Whatsapp

Da Menlo Park stanno preparando un’altra nuova funzione, stavolta strettamente connessa al mondo di Facebook. Su WhatsApp stanno infatti per arrivare le reazioni, scopriamo insieme di cosa si tratta secondo quelli che sono gli ultimi rumors.

WhatsApp, cosa sono le reazioni

A darne ancora una volta notizia sono gli esperti di WABetaInfo, sempre attenti a scovare tutte le novità che WhatsApp è pronta a lanciare. Stavolta si parla delle reaction, una funzione che è già presente all’interno di Facebook. Si tratta semplicemente delle emoji disponibili quando riceviamo un commento. Sul social infatti abbiamo la possibilità di reagire a un commento con una faccina, un elenco di emoji che si vanno ad aggiungere al semplice like.

La stessa funzione è stata aggiunta poi nel tempo anche alle chat di Instagram, introdotta in seguito anche su iMessage. Insomma, WhatsApp si integra sempre più all’interno del pacchetto offerto dal gruppo Facebook, e scommettiamo che queste reaction saranno una lieta sorpresa per tutti gli utenti. Secondo le informazioni dei succitati esperti di WABetaInfo, però, al momento tale funzione sarà presente solo per Android, mentre gli utenti iOS dovranno attendere ancora un po’.

WhatsApp in attesa delle reazioni

Scommettiamo che molti si staranno chiedendo dov’è la novità, visto che in fondo il modo di rispondere a un commento con le emoji c’è sempre stato. In quel caso, però, appunto, si tratta di una risposta. È infatti possibile evidenziare il messaggio ricevuto e cliccare su “rispondi” dopodiché a quel punto è possibile scegliere una faccina come risposta. Questa soluzione però per molti è decisamente poco pratica. Le reazioni invece sono delle faccine che si andranno ad aggiungere al messaggio stesso, proprio come i like su Facebook.

Saranno quindi molto più pratiche e veloci da usare.

Potresti essere interessato anche a WhatsApp, multa record per violazione privacy, siamo stati tutti fregati dall’app, ecco perché

Argomenti: ,