Truffe via SMS, si spacciano per Amazon e MediaWorld e svuotano la carta di credito

Occhio agli SMS truffa, nuove insidie arrivano per i cittadini.

di , pubblicato il
Occhio agli SMS truffa, nuove insidie arrivano per i cittadini.

Non solo phishing, anche lo smishing, spuntano ora nuove pratiche per truffare i poveri cittadini. Stiamo parlando dei messaggi via SMS che invitano ad accettare l’offerta e a cliccare sul link. In realtà lo scopo è solo quello di rubare tutti i dati presenti sullo smartphone.

Truffe SMS

E’ la Polizia Postale a mettere ancora una volta in guardia gli internauti dai rischi che corrono. Sono due al momento le truffe più segnalate, quelle relative al finto messaggio di Amazon e quelle riguardanti invece l’SMS di MediaWorld, andiamo a vedere di cosa si tratta.

(Nome utente), Abbiamo cercato di contattarti per il tuo regalo di AMAZON-PRIME, Per

richiederlo segui questo link: http:/…. (Nome Link) &quot”

A questo punto l’utente viene indirizzato su una pagina fake di Amazon, gli viene chiesto di compilare e rispondere alle domande, poi inserire la sua carta di credito per ricever a prezzo irrisorio un costoso iPhone in super offerta. E, naturalmente, a quel punto scatta la truffa. L’importo per il telefonino viene sottratto, ma lo smartphone non arriverà mai.

Il secondo messaggio riguarda invece MediaWorld, il quale, sempre attraverso un link fake, ci invita a completare l’accesso per il proprio account sospeso. Anche in questo caso si tratta di una truffa, allo scopo di prendere possesso dei nostri dati. Cosa fare per difendersi?

Non cliccare assolutamente mai su questi link, nel caso lo si cliccasse per sbaglio, non compilare la pagina e non fornire in nessun caso informazioni sulla propria carta di credito. E’ preferibile effettuare poi una scansione dello smartphone con il proprio antivirus, infine modificare le credenziali di accesso ai propri servizi online per stare il più sicuri possibile.

Potrebbe interessarti anche Joker vi svuota la carta associata a Google, ecco le app con il virus

Argomenti: