Truffa delle criptovalute, da ottobre hacker facevano investire in falsi Bitcoin

Scoperta la truffa delle criptomonete, cybercriminali usavano account falsi.

di , pubblicato il
criptovalute

Ci mancava anche la truffa delle criptovalute, ecco il nuovo horror panico che arriva dalle altcoin, già di loro parecchio preoccupanti secondo molti economisti più tradizionalisti. Secondo però gli esperti di Federal Trade Commission, serpeggia una truffa che coinvolge addirittura Elon Musk, vediamo di cosa si tratta.

Criptovalute, spunta la truffa

Di recente Musk ha fatto molto parlare di sé in ambito Bitcoin. Prima ha appoggiato l’acquisto delle sue Tesla con le crypto in questione, poi ha detto che inquinano, infine ha partecipato al meeting per le forme alternative di mining palesando quindi un nuovo avvicinamento. Ora però spunta la notizia della truffa. Secondo il lavoro del già citato Federal Trade Commission, molti account Twitter sono stati truffati. Il meccanismo ricostruito era il seguente: un profilo Twitter veniva hackerato e invitava altri account a investire in Bitcoin.

Purtroppo l’account Twitter più imitato e hackerato è stato proprio quello di Elon Musk, con questo stratagemma infatti i cybercriminali hanno proposto il loro finto investimento spacciandolo per un tweet di Musk e accalappiando in tal guisa tanti potenziali clienti. Secondo le analisi la truffa ammonta a ben 2 milioni di dollari. I soldi investiti infatti non andavano realmente trasformati in Bitcoin, ma finivano semplicemente nelle tasche degli hacker.

La truffa delle criptovalute andava avanti da mesi

Si parla di una perdita di 80 milioni di dollari di media per quanto riguarda questo attacco hacker legato al mondo delle criptovalute. Come detto, gli hacker si fingevano Musk riproducendo la sua foto profilo. Ovviamente, sarebbe bastato andare a controllare il vero account di Twitter dell’imprenditore per accorgersi che qualcosa non quadrava, ma purtroppo le vittime si sono fidate e hanno investito i propri soldi su indirizzi web fasulli sponsorizzati dal finto Musk.

La truffa andava avanti da ottobre 2020, come detto un imbroglio che ha fruttato ben 2 milioni di dollari ai malviventi, prima di essere fermati.

Potrebbe interessarti anche Cybersecurity e cyberpandemia, attacchi informatici in crescita del 78% in 4 anni

Argomenti: ,