Siempo, l’app che ci aiuta a non essere ostaggi dei nostri smartphone

Se siete diventati schiavi del vostro smartphone ecco Siempo, l'app che vi viene lontani dalle app.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Se siete diventati schiavi del vostro smartphone ecco Siempo, l'app che vi viene lontani dalle app.

Sempre più dipendenti dallo smartphone, ma ora c’è chi dice stop, arriva Siempo, l’app che ci aiuta a uscire da quella che si sta dimostrando essere una vera e propria dipendenza. Ecco di cosa si tratta.

Siempo, basta smartphone

Se volete dare una moderata alla vostra mania di smanettare sullo smartphone, allora Siempo potrebbe essere la soluzione giusta per voi. L’obiettivo iniziale dell’azienda era di produrre uno smartphone ad hoc, ma il progetto è sfumato nel 2017 e allora si è optato per ricreare un software capace di inibire l’utente. L’app Siempo è al momento in fase di test, basta installarla sul vostro smartphone (la trovate gratuitamente sul Play Store) e potrete provare a scoprire se la vostra dipendenza da smartphone verrà combattuta.

Potrebbe interessarti anche: Facebook travolto da un nuovo scandalo privacy, stavolta rischia l’eliminazione

Siempo sostituisce il vostro launcher, naturalmente una condizione necessaria per permettere a Siempo di agire sulle vostre app e rendervele meno appetitose. Il logo delle app verrà infatti sostituito da un freddo nome, giusto per farvi capire di cosa si tratta e magari togliervi la voglia di giochicchiarci troppo. Ovviamente, le funzioni sono diverse, molto utile anche quella di inserire un time alle notifiche da ricevere e a quali app impostarlo. Ad esempio, potete impostare le notifiche di WhatsApp ogni mezzora, o ogni ora, o quanto volete.

In questo modo potete andare a controllare la chat con una frequenza prestabilita e non ogni volta che ascoltate il suono in tempo reale con il messaggio ricevuto. E’ inoltre possibile inserire un messaggio motivazionale sul menu ogni qual volta accendiamo lo smartphone, un monito per ricordarci della nostra missione. Presto sarà inserito un algoritmo personalizzato per essere più adatto al singolo utente. Insomma, funzioni importanti abbinate alla psicologia, un procedimento preciso e terapeutico che ci aiuterà ad essere forse un po’ meno distratti e più presenti nella vita reale. Archiviata la versione beta, l’app diventerà a pagamento con la formula “paga quanto vuoi”.

Potrebbe interessarti anche: Smartphone Android infetti da queste app, attenzione a cosa scaricate

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Applicazioni e Giochi

I commenti sono chiusi.