Samsung nei guai per obsolescenza programmata, ora rischia class action

Al via il maxi risarcimento per i Galaxy Note 4, Samsung accusata.

di , pubblicato il
Al via il maxi risarcimento per i Galaxy Note 4, Samsung accusata.

Tegola per Samsung, confermata dal Tar del Lazio la multa inflitta dall’Antitrust per la vicenda dei Galaxy Note 4. Ora si rischia una class action per obsolescenza programmata. Disponibile anche un modulo per chiedere i danni.

Samsung nei guai

I consumatori potranno scaricare il modulo e presentare domanda di risarcimento contro Samsung per l’aggiornamento illecito del 2016. Si tratta di un aggiornamento lanciato per il Galaxy Note 4, al fine di far passare il device al nuovo OS Android 6.0 Marshmallow. Un upgrade che è stato giudicato assolutamente illecito, quindi scorretto e ingannevole verso il consumatore.

L’aggiornamento in questione infatti poteva comportare la perdita di prestazioni e funzionalità da parte del device, cosa che Samsung si è guardata bene dal dire prima di far partite l’upgrade. Pratica commerciale scorretta per l’AGCM, in pratica costringeva i possessori del dispositivo a cambiare telefono dopo poco. Samsung aveva risposto con riparazione gratuita e voucher dal valore di 300 euro, ma niente da fare.

Il ricorso presentato dall’azienda sudcoreana è stato respinto, e ora rischia grosso. Ecco invece i sito ufficiale dove poter scaricare il modulo e presentare domanda per chiedere risarcimento per l’acuito del Galaxy Note 4 rovinato dall’aggiornamento del maggio 2016.

Potrebbe interessarti anche Alien, il virus che ruba password bancarie dai nostri smartphone Android

Argomenti: