Password deboli, attenzione a queste pass, sono le più usate e rischiate di perdere tutto

Queste sono le password deboli, quelle più usate dagli italiani. Uno sguardo anche all'estero, ecco le pass da evitare.

di , pubblicato il
password deboli

Interessante ricerca ci arriva da NordPass, uno studio sulle password deboli, ossia quelle più utilizzate dagli italiani. Vediamo quali sono le statistiche che emergono da questa interessante analisi.

Password deboli, ecco quali

Una password particolarmente utilizzata finisce per diventare abusata e quindi facilmente individuabile dai cybercriminali. Ricordiamo infatti che utilizzare password deboli per i propri account è estremamente rischioso poiché mette a rischio i nostri dati. Non dimentichiamo poi che molti utilizzano addirittura la medesima password per più account, cosa che quindi comporta la perdita di diversi profili web, una volta che l’hacker ne ha individuato il codice di accesso.

Ma quali sono le password più utilizzate nel bel paese? Dalle statistiche di NordPass emerge che gli italiani hanno un debole per le cose semplici, la più utilizzata è infatti 123456, e l’altra che si erge in vetta alla classifica è Juventus. I bianconeri sono la squadra con più tifosi in Italia, e a quanto pare questi fedelissimi usano il nome della vecchia signora come pass per i propri account, altra scelta sbagliatissima.

Password deboli, i consigli

A quanto pare è proprio l’Italia il paese più colpito dagli hacker, e il motivo sono queste password estremamente semplici. Dietro di noi ci sono poi Russia, Repubblica Ceca, Francia e Germania. Altre password particolarmente utilizzate nel nostro paese sono andrea e 00000. Per quanto riguarda l’estero invece, in Inghilterra le più utilizzate sono 123456, password e Liverpool. In Germania 123456, 111111 e abc123. In Francia “12345678, azerty e tiffany.

È il garante della privacy a suggerirci alcuni consigli per una buona password. Almeno 8 caratteri alfanumerici, ma più è lunga, meglio è. Evitare riferimenti personali facili da indovinare. Cambiarla periodicamente è cosa buona, e diversificare, mai utilizzare la stessa per più account.

L’ultimo consiglio infine è di evitare di conservare tali pass su foglietti volanti, o anche su file in dispositivi non protetti.

Potrebbe interessarti anche Digitale terrestre, ecco come scoprire se la tua tv è compatibile con DVB-T2

Argomenti: ,