Apre domani a Manhattan il primo negozio fisico di Google, cosa venderà al suo interno?

Google apre il suo primo negozio fisico, diamogli un'occhiata.

di , pubblicato il
Negozio Google

E finalmente anche Google ce l’ha fatta, apre il suo primo negozio fisico. Domani è il gran giorno, la location è quella di New York, precisamente a Chelsea, un quartiere di Manhattan. Big G sarà in buona compagnia, prima di lui, sempre a Manhattan, sono arrivati gli store fisici di colossi come Amazon, Apple, Microsoft e altri ancora.

Negozio Google, il primo store fisico di Big G

Sarà un weekend speciale per gli abitanti del quartiere Chelsea, domani venerdì 18 giugno sarà inaugurato il primo negozio fisico di Google. Apertura alle 10 (naturalmente ora locale). Lo store è grande 5.000 piedi quadrati di spazio di vendita nel grande e costoso investimento immobiliare di Google nel West Side. Il punto vendita era precedentemente occupato da un ufficio postale e Starbucks, che hanno lasciato i locali una volta scaduti i loro contratti di locazione. Il layout del negozio è progettato per essere esperienziale, mettendo in evidenza il crescente portafoglio hardware dell’azienda insieme a partner di terze parti selezionati.

Cosa troveremo in questo store? Ma naturalmente tutti i device a marchio Google, quindi stiamo parlando di smartphone Pixel, device per Stadia, prodotti per la casa, WearOS e l’ultima aggiunta al portafoglio hardware, i dispositivi Fitbit, il tutto all’interno di una vetrina che sicuramente incuriosirà clienti e turisti vari. A quanto pare l’inaugurazione sarebbe già stata fatta se non fosse per il Covid-19, in realtà nelle scorse settimane c’è stata già una sorta di apertura virtuale, da domani però invece stop alle restrizioni, e si passa all’inaugurazione ufficiale dello store, anche se naturalmente nel pieno rispetto delle regole anti Covid.

Negozio Google, uno sguardo allo store

Oltre agli schermi dei prodotti e ai diorami che rivestono le finestre di 17 piedi, l’azienda ha riempito il negozio di “sandbox”.

L’estetica infatti è quella dei soggiorni dei grandi negozi, anche se secondo chi ha già visitato lo store in anteprima, questo di Google è molto meglio illuminato. C’è anche un’area giochi per giocare a Stadia e un punto insonorizzato per testare vari prodotti Home/Nest. Ci sarà inoltre un’area clienti per offrire riparazioni agli smartphone Pixel che presentano problemi.

Potrebbe interessarti anche Amazon e quel problema irrisolvibile delle recensioni, 200 milioni eliminate

Argomenti: ,