Leonardo acquisisce Alea e potenzia il proprio portafoglio tecnologico

Leonardo, società dedita al mondo di comunicazioni professionali e sicurezza, acquisisce Alea.

di , pubblicato il
Leonardo

Importante acquisizione per Leonardo, società dedita al mondo delle comunicazioni professionali e della sicurezza. C’è l’accordo con la startup Alea per l’acquisizione del 70% del suo capitale sociale, con opzione su successiva acquisizione del restante 30%.

Startup, Leonardo e Alea insieme

Alea è una società specializzata in software di comunicazione mission and business critical, acquisendo una grossa fetta della startup, Leonardo consolida la sua posizione come leader del settore e rafforza l’offerta dell’infrastruttura applicativa multimediale mission critical dei sistemi. Si tratta di un mercato in forte evoluzione e naturalmente altamente competitivo, rafforzare le proprie competenze con questa acquisizione è quindi un fattore decisamente importante, visto che Leonardo conta ora di avere un passo in più in ambito di comunicazioni narrowband e broadband.

Tra le novità di questa trasformazione digitale in atto in ogni luogo si parla anche della digitalizzazione del trasporto su rotaia. In questa particolare ottica per le ferrovie sarà quindi decisiva la nuova tecnologia FRMCS, che sostituirà progressivamente lo standard GSM-R. Ebbene, Leonardo con l’acquisizione di Alea conta di fare importanti passi da gigante anche in questo senso, integrando cioè nel proprio portafoglio anche lo standard FRMCS (Future Rail Mobile Communication System).

Nuove tecnologie per Leonardo e Alea

Altro aspetto importante che verrà rinforzato tra le soluzioni offerte nel proprio portafoglio è il Talkway, si tratta di una soluzione che consente di effettuare da smartphone comunicazioni professionali “Push-To-Talk” e monitorarle dalla piattaforma web specifica. Tale tecnologia si iscrive all’interno del piano strategico Be Tomorrow 2030 per la protezione e il monitoraggio del territorio. Non deve fare stuporequindi  in questo senso la decisione del Governo di scegliere proprio Leonardo tra i big del settore per la creazione di un cloud nazionale per archiviare tutti i dati della PA.

Potrebbe interessarti anche 5,6 milioni di dollari per Wagely, startup indonesiana che pensa ai lavoratori

Argomenti: