Come creare punto di ripristino in Windows 10

Temi che il tuo sistema possa andare in crash e vorresti non incorrere in ore ed ore di installazioni ? Ecco come creare un punto di ripristino Windows 10.

di , pubblicato il
windows 10 punto di ripristino

Come creare punto di ripristino in Windows 10? La sviluppo di un Restore Point nell’ultima versione del sistema operativo diventa un parametro indispensabile nel momento in cui si voglia ripristinare il sistema ad un ben determinato stato precedente. Attraverso l’utilizzo di una semplice procedura che passeremo qui di seguito in rassegna, scopriremo la convenienza di riportare in vita file e programmi installati senza la necessità di provvedere ad un format totale del sistema e ad una consecutiva re-installazione dei prodotti, senza la pretesa di mettere però mano ai file personali.

Un metodo rapido, efficace e comprovato per riportare la situazione ad una condizione di normalità in seguito a failure di sistema o sviste che, in diretta conseguenza. Possono portare via molto tempo e rendere inaccessibili i nostri programmi. In luogo di modifiche al sistema, installazione di driver non certificati et similia, è pertanto consigliabile l’esecuzione della procedura di creazione di un punto di ripristino. Vediamo come.

Come creare un Punto di Ripristino su Windows 10

La procedura è semplicissima e può essere svolta direttamente da Interfaccia Grafica Windows 10. Apriamo Cortana (o Start) e digitiamo la stringa Punto di ripristino che riporterà in evidenza la voce “Crea Punto di Ripristino”. Clicchiamoci sopra e proseguiamo.
A questo punto si apre una finestra in primo piano che fa riferimento alle Proprietà del Sistema. Da qui portiamoci sul tab Protezione Sistema e, in basso a destra, facciamo click sulla voce Crea…
Ora siamo pronti ad avviare la procedura guidata Creazione Punto di Ripristino Windows 10 che seguita all’inserimento di un nome che serva da identificativo per il nostro Restore Point. Attendiamo pazientemente che la procedura si completi ed il gioco è fatto. Abbiamo creato il nostro punto di ripristino.

Inoltre: Già stufi di Windows 10? Ecco come effettuare il downgrade e tornare a Windows 7 e 8.1

Come ripristinare Windows 10 ad uno stato precedente – parte prima

Abbiamo il nostro punto di ripristino e, causa un crash o un malfunzionamento di sistema siamo costretti a riesumare il backup dei nostri dati.

Come facciamo?
Come prima cosa chiudiamo tutte le finestre attiva salvando i dati su eventuali programmi aperti, dopodiché ci portiamo su Start e, analogamente alla procedura precedente, scriviamo Punto di ripristino cliccando sulla prima voce in elenco. Stavolta, però, dovremo utilizzare il backup e non crearlo. Dalla stessa finestra, appena sopra l’indicazione delle unità disco disponibili, selezioniamo il pulsante Ripristino configurazione di sistema.
Una Finestra di dialogo fornirà informazioni in merito all’utilità di Ripristino. Clicchiamo su Avanti.

Una volta giunti a questo punto, una nuova finestra riporterà l’elenco dei punti di ripristino disponibili per il sistema in uso con tanto di data ed ora di ultima creazione. Scegliamo, direttamente da qui, quello che fa al caso nostro o mettiamo il flag alla voce Mostra ulteriori punti di Ripristino, per visualizzare quelli nascosti.

Come ripristinare Windows 10 ad uno stato precedente – parte seconda

Contestualmente, inoltre, è possibile ottenere informazioni che forniscono notizie in merito alla possibilità che uno o più programmi smettano di funzionare a seguito della procedura. In tal caso, sarà sufficiente fare click sul pulsante Cerca Programmi Interessati dopo aver selezionato il nostro punto di ripristino. Cliccando su Avanti verrà poi avviata la procedura di Restore. Abbiamo fruttuosamente riportato il nostro Windows 10 allo stato precedente.

Riportando il sistema ad uno stato antecedente andremo in contro a quanto segue:

  • Impostazioni di Sistema ripristinate al punto temporale indicato
  • Assenza di App installate postume la creazione del punto di ripristino
  • Aggiornamenti importanti Windows 10 mantenuti in memoria nonostante il ripristino
  • Driver disinstallati se non presenti all’atto della creazione del Restore Point
  • File Personali (Directory: Documenti, Musica, Immagini, Video ed altre) rimarranno inalterati

Sei riuscito a creare il tuo punto di ripristino? La procedura suddetta si è rivelata utile? Faccelo sapere.

LEGGI ANCHE: Come attivare la nuova timeline di Twitter su PC desktop, Android e iOS.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , , ,

I commenti sono chiusi.