Truffa Bitcoin in regalo: attenzione svuota il conto corrente

È tornata la truffa dei Bitcoin in regalo: l'abile raggiro per svuotare il conto corrente.

di , pubblicato il
È tornata la truffa dei Bitcoin in regalo: l'abile raggiro per svuotare il conto corrente.

Il Bitcoin è una moneta virtuale che a differenza di euro, sterlina o dollari (ad esempio) non è costituita da un titolo cartaceo bensì da codici ossia da una serie di numeri. Il valore di questa moneta oscilla intorno ai 50 mila dollari e proprio per questo fa gola ai cyber criminali. L’ultima truffa tornata in voga negli ultimi giorni è quella dei Bitcoin in regalo. Ma vediamo cosa sta accadendo.

Cybercriminali sfruttano Twitter: la truffa del Bitcoin

È tornata la truffa dei Bitcoin in regalo su Twitter con la scusa di festeggiare l’alto valore raggiunto dalla moneta elettronica. Vengono proposti dei Bitcoin in regalo (cifre elevate per cui si dovrebbe immaginare subito che si tratta di una truffa) a chi risponderà per primo alla chiamata. E’ però una truffa in quanto per avere i Bitcoin in regalo è necessario effettuare un versamento su un wallet con la promessa di avere indietro molti più denaro.

Di solito nel messaggio di regalo viene inserito l’indirizzo e non il link della pagina alla quale connettersi che molto spesso ne imita una famosa. Vengono poi utilizzate delle piattaforme contraffatte di criptovalute per portare avanti la truffa. Al momento i tentativi di raggiro riguardano il mercato indiano ed americano ma il campo pian piano si sta allargando.
Ovviamente nessuno regala niente per niente per cui non si dovrà prestare attenzione (qualora capitasse di vederli) a tali messaggi. I soldi che si invieranno per partecipare a questa specie di concorsi, infatti, non torneranno mai indietro. Anzi spariranno per sempre dal conto corrente di chi le ha inviate. Il problema è che saranno difficili da recuperare in quanto non soltanto figureranno come transazioni spontanee ma saranno verso dei conti esteri.

I rischi di investire Bitcoin

Ricordiamo che quando si decide di investire in Bitcoin si dovrà sempre tenere a mente che la maggior parte dei paesi non ha delle normative regolatorie esaurienti in merito ad essi. Inoltre quando si investe in moneta elettronica si dovrà controllare che le società che offrono i servizi e gli strumenti posseggano tutte le certificazioni e le autorizzazioni. Bisognerà quindi evitare quelle che assicurano che in pochissimo tempo si potrà diventare milionari. Investire in criptovalute, infatti, richiede tempo e pazienza ed in genere il profitto lo si ottiene nel lungo termime.
Potrebbe interessarti: Bitcoin, nuovo boom fino a quasi 62.000 dollari: ma dietro al “mining” c’è una grossa ipocrisia degli investitori
[email protected]

Argomenti: