Truffa a danno di Ing: si registrano tentativi di frode per ottenere codici personali

Ecco le informazioni sulla truffa ai danni di Ing via sms, e-mail e per telefono per ottenere i codici personali e come difendersi.

di , pubblicato il
truffa-ai-danni-ing

In questi ultimi giorni si registrano tentativi di truffa a danno di banca Ing tramite sms, e-mail e telefono. L’istituto di Credito sta inviando infatti un messaggio ai suoi clienti nel quale comunica di tentativi che si stanno registrando di frode per ottenere i codici personali degli utenti. Ecco cosa sta succedendo e come proteggersi.

Ecco la truffa ai danni di Ing: via sms, e-mail e per telefono

La Ing comunica che mediante telefono, e-mail ed sms, truffatori sempre più specializzati stanno inviando messaggi per catturare l’attenzione degli ignari clienti. Chiedono di accedere con urgenza all’area riservata ottenendo così i codici personali e potendo disporre del conto.
La truffa può arrivare mediante sms (phishing) nel quale si chiede di cliccare su un link per disconoscere accessi al conto o cancellare operazioni sospette. Il link fasullo porterà ad una pagina uguale alla quella della Ing dove verrà chiesto il codice utente, data di nascita e pin. Attenzione: l’Istituto di Credito del conto arancio non inserirà mai link a pagine che chiederanno di inserire codici personali.

L’imbroglio può arrivare anche via e-mail (phishing). L’indirizzo dal quale arriva il messaggio sembrerà dell’Ing ma non lo è. Verrà chiesto sempre di cliccare su un link fasullo per cancellare/confermare operazioni o che metteranno in guardia su una frode presunta. Il link anche in questo caso porterà ad una pagina simile a quella della Ing dove verrà chiesto di inserire data di nascita, pin e codice cliente. La banca ribadisce di non inserire mai link nella e-mail a pagine che chiederanno poi codici di accesso.
La fregatura si può compiere anche via telefono. Potrebbe chiamare un operatore informando il cliente di un tentativo di frode sulla carta, di un problema di accesso tecnico o di un’operazione sospetta.

Il truffatore chiederà poi i codici di accesso per intervenire e risolvere il problema. La Ing non chiederà mai i codici completi per telefono. Per questo bisognerà riagganciare e contattare la banca al numero 800.71.72.73 e dall’estero si dovrà digitare lo 02. 666 8769.

Cosa fare per proteggersi via sms, e-mail e telefono 

Se arriva una e-mail o un messaggio che sembra proprio di Ing e c’è un link non bisognerà mai cliccarci su. Qualora lo si faccia lo stesso e verrà chiesto di inserire codice cliente, data di nascita e pin non si dovrà effettuare tale operazione. Qualora un operatore gentile chiederà i codici per intero per telefono non si dovranno mai dare e si dovrà riagganciare.
Ing ricorda inoltre che nelle e-mail Ing ci sono sempre il nome cliente, la prima lettera del cognome e le ultime cifre del prodotto Ing. L’url, poi, è Https e non Http ed inoltre nella pagina Ing in alto a sinistra compare un lucchetto chiuso (nella barra del browser).

Leggi anche:  Truffa sms ai danni di Intesa Sanpaolo: ci risiamo
[email protected]

Argomenti: ,