Per combattere l’inflazione Poste Italiane raddoppia gli interessi dei buoni fruttiferi postali

Contro l'inflazione che galoppa all'8%, Poste Italiane raddoppia gli interessi dei buoni fruttiferi postali.

di , pubblicato il
buoni fruttiferi postali

Interessi dei buoni fruttiferi postali raddoppiati per combattere l’inflazione. Poste Italiane il 6 luglio, infatti, ha aggiornato le condizioni di tutti i suoi titoli lanciando anche il 3 anni Plus. È l’attuale scenario macroeconomico ad avere spinto i vertici di Cdp a varare questa manovra come è accaduto anche per la recente emissione del Btp Italia. L’Ad di Cassa Depositi e Prestiti con la decisione di aumentare i tassi di interesse è voluto andare incontro alle necessità dei tanti sottoscrittori dei buoni fruttiferi postali. Inoltre tale prodotto di investimento che fino a poco tempo fa aveva tassi molto bassi adesso risulterà competitivo come altri strumenti presenti sul mercato. Ricordiamo che Cdp è l’ente che emette tali titoli, Poste Italiane li colloca sul mercato mediante gli sportelli e lo Stato li garantisce.

Cdp raddoppia gli interessi dei buoni fruttiferi postali

Cassa Depositi e Prestiti ha aggiornato tutti i tassi dei buoni fruttiferi postali. Ecco i nuovi buono per buono.
1. Buono fruttifero postale 3 anni Plus è la novità del momento in quanto prima non era presente. Offre un rendimento effettivo annuo lordo dell’1%. Dura 3 anni e si può chiedere il rimborso quando si vuole. Se lo si fa prima dei tre anni, però, non si ha diritto al riconoscimento degli interessi maturati.
2. Tra i buoni fruttiferi postali che hanno cambiato gli interessi c’è il 3×3 per investimenti fino a 6 anni. Il rimborso del titolo si può chiedere quando si vuole ma si ha diritto al riconoscimento degli interessi solo dopo 3 anni. Al termine del sesto anno con le vecchie condizioni si riceveva lo 0,50% mentre ora dopo 3 anni il rendimento è dello 0,75% e dopo 6 anni dell’1,75%.
3. Il 4×4 è il buono che offre i tassi più alti, a giugno dopo 16 anni riceveva l’1,25%. Ora dopo 4 anni il rendimento effettivo annuo lordo è dell’1%, dopo 8 anni dell’1,50%, dopo 12 anni dell’1,75% e dopo 16 anni del 3%.

Questo titolo come gli altri permette di chiedere il rimborso quando si vuole. Il riconoscimento degli interessi, però, c’è solo dopo 4,8 e 12 anni.

Gli altri buoni fruttiferi postali aggiornati

Non solo i buoni fruttiferi postali 3×2 e 4×4 sono stati aggiornati. La lista comprende altri quattro titoli. Vediamoli.
1. Bfp 3×4 per investimenti fino a 12 anni e flessibilità di rimborso in ogni momento. Gli interessi maturano però solo al termine del 3°, 6° e 9° anno per cui prima di 3 anni non si ha diritto al riconoscimento di essi. A giugno con le nuove condizioni dopo 12 anni il tasso massimo era dell’1% mentre ora dopo 3 anni è dello 0,75%, dopo 6 anni dell’1,25%, dopo 9 anni dell’1,75% e dopo 12 anni del 2%.
2. Quello tra i buoni fruttiferi postali che offre il rendimento maggiore è come in passato il titolo dedicato ai minori. Lo scorso mese il rendimento massimo al compimento dei 18 anni era del 2,50% mentre adesso è del 3,50%.
3. Aumenti dei tassi di interesse anche per i buoni fruttiferi postali ordinari. Prima si percepiva lo 0,50% dopo 20 anni mentre adesso il rendimento effettivo annuo loro è pari al 2%.
4. Chiudiamo con il bfp 4 anni Risparmio Semplice, sottoscrivibile solo se si attiva un piano di Risparmio RisparmioSemplice. Con esso si può ottenere un rendimento semplice che è dell’1% ed un premiale a scadenza dell’1,50% al raggiungimento minimo di 24 sottoscrizioni periodiche nel piano. I tassi passati erano dello 0,25% per il rendimento standard e dello 0,50% per quello Premiale.
[email protected]

Argomenti: ,