Nuova truffa virale: uscite anomale dal proprio conto corrente mediante RID

La Polizia Postale sulla sua pagina Facebook invita gli utenti a controllare frequentemente la lista dei movimenti del proprio conto corrente a causa di una nuova truffa.

di , pubblicato il
La Polizia Postale sulla sua pagina Facebook invita gli utenti a controllare frequentemente la lista dei movimenti del proprio conto corrente a causa di una nuova truffa.

La Polizia Postale sulla sua pagina Facebook “Commissariato di PS On Line-Italia” invita gli utenti a controllare frequentemente la lista dei movimenti del proprio conto corrente. È stata infatti segnalata una nuova truffa riguardante uscite anomale dal proprio conto mediante Rid.

La nuova truffa virale segnalata dalla Polizia Postale

La Polizia Postale sia sulla sua pagina web che su quella Facebook comunica che negli ultimi giorni sono state inviate numerose segnalazioni riguardanti una nuova truffa che sta colpendo ignari titolari di conti corrente mediante disposizioni Sepa. Nel dettaglio la Polizia informa che gli utenti si sono ritrovati un addebito a seguito di una domiciliazione bancaria con R.I.D (chiesta in apparenza dal titolare) che in realtà era stata autorizzata da truffatori carpendo dati personali della vittima. Per chi con lo sapesse il Rid è la richiesta di addebito diretto mediante il quale è possibile pagare le utenze domestiche come luce, acqua e gas senza far nulla, direttamente dal conto corrente.

L’importo della truffa

L’importo segnalato, addebitato senza l’autorizzazione, non è molto alto per cui potrebbe anche sfuggire ad un occhio non molto attento. La somma in uscita dal conto è infatti di 19,90 euro. La Polizia Postale raccomanda, quindi, per evitare di incorrere in tale frode, di controllare periodicamente sul proprio conto la lista dei movimenti. Tale controllo ora è ancora più semplice grazie ai servizi di home banking. Qualora si dovessero notare delle anomalie, infine, si dovrà avvisare subito la propria Banca chiedendo il richiamo della somma sottratta illecitamete ed effettuare la revoca del R.I.D.

Leggete anche: WhatsApp, attenzione alla truffa dell’assegno in chat.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,