Nuova truffa svuota conto: non cliccare sul link allegato

Truffa e-mail di presunta collazione con la Polizia Postale: non cliccare sul link

di , pubblicato il
Truffa e-mail di presunta collazione con la Polizia Postale: non cliccare sul link

La Polizia Postale sulla sua pagina ufficiale Facebook invita tutti a prestare la massima attenzione a nuove e-mail truffa nelle quali si fa riferimento, in modo completamente falso, ad una presunta collaborazione proprio con la Polizia Postale. Il messaggio di posta elettronica invita l’utente a cliccare su in un link fasullo per aderire ad un nuovo sistema creato per migliorare la sicurezza e la protezione del conto corrente e delle transazioni.

L’e-mail fasulla: non fornire mai dati personali

Le Banche non chiedono mai dati di accesso o bancari via e-mail. Quando arrivano dei messaggi in cui vengono chiesti quasi sicuramente si tratterà di un tentativo di truffa. Purtroppo le e-mail che giungono sono molto simili a quelle della Banca sia nella grafica che nel contenuto. A cosa prestare attenzione allora? Ebbene al mittente: anche se sembra la banca sarà meglio controllare l’e-mail. Bisognerà prestare inoltre attenzione ad eventuali errori di punteggiatura e controllare la sede sociale.

In più si dovrà controllare attentamente il tono. Quando è di simil minaccia (il tuo conto verrà bloccato se…) o di urgenza quasi sicuramente sarà un tentativo di truffa. Infine non si dovrà cliccare mai su link allegati. Cliccandoci su, infatti, si viene reindirizzati su pagine o applicazioni esterne che cercano di rubare dati sensibili e credenziali d’accesso con lo scopo di svuotare completamente il conto.

Come evitare di essere raggirati

Le truffe non avvengono solo via e-mail ma anche tramite messaggio sempre mediante azione di phishing. I truffatori cercano infatti di ingannare l’utente inducendolo a rivelare codici di accesso e password. Nel caso in cui ci si accorga di essere vittime di una truffa, il suggerimento sarà quello sporgere denuncia verso ignoti alle autorità competenti disconoscendo completamente le operazioni finanziarie illegalmente attribuite.

Qualora invece la frode  avvenga su carta di pagamento, invece, sarà necessario bloccare subito quest’ultima e chiamare la banca. In seguito si dovrà inviare raccomandata alla stessa comunicando i fatti ed allegando copia della denuncia ed il documento di identità.

Per evitare rischi, una buona strategia potrebbe essere quella di modificare in forma periodica le credenziali di accesso alla banca via internet nonché il pin delle carte. Inoltre controllare periodicamente i movimenti del proprio conto corrente.

Potrebbe interessarti anche: Truffa finto sms ai danni di banca Intesa Sanpaolo che svuota il conto

[email protected]

Argomenti: ,