Iliad, l’Aeci gli dichiara guerra per la scarsa trasparenza nelle offerte, ma cosa sta accadendo?

L'Aeci, l'associazione europea dei consumatori, dichiara guerra ad Iliad per la scarsa trasparenza nelle offerte, perché?

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
L'Aeci, l'associazione europea dei consumatori, dichiara guerra ad Iliad per la scarsa trasparenza nelle offerte, perché?

Iliad, il nuovo operatore low cost, ha fatto il suo debutto in Italia a fine maggio 2018 ed ha proposto un pacchetto mensile a soli 5,99 euro. Esso include messaggi e minuti illimitati nonché 30 Gb di internet in 4G. Molti consumatori, quindi, hanno deciso di optare per tale operatore. A quanto pare, però, l’Aeci (che è l’Associazione Europea dei consumatori) ha presentato un esposto al Garante della Privacy, all’Agcom e all’Agcm per pratiche commerciali scorrette.

Aeci contro Iliad: cosa succede?

Tra le accuse rivolte dall’Associazione Europea Consumatori ad Iliad in primis vi è la presunta scarsa trasparenza nei confronti dei clienti. Iliad comunica che l’offerta a 5,99 euro sarà per sempre ma accettando il contratto, comunica l’Aeci, l’operatore low cost si riserva il diritto di effettuare delle modifiche alle condizioni economiche dello stesso. Nel contratto inoltre si dice che le modifiche non saranno applicabili nel caso di offerte non modificabili non applicabili. Il problema, secondo l’Associazione, è che non vi sono gli strumenti per capire quale offerta rientri in quelle non modificabili.

Iliad viene accusato anche per le clausole vessatorie in quanto in alcuni casi l’operatore, si legge, potrà sospendere il servizio completamente o in parte con ogni mezzo e senza che vi siano per gli utenti delle compensazioni o dei rimborsi. Anche questa volta il problema di fondo è che non vi sono elementi per capire per quale motivo il servizio potrebbe essere sospeso. Inoltre l’Aeci asserisce che la comunicazione inerente all’attivazione dei servizi per il traffico extra soglia non è proprio trasparente.

Iliad accusata di poca trasparenza nelle offerte

L’Associazione Europea dei Consumatori accusa Iliad anche perché all’utente, soltanto nella parte finale del form di richiesta, viene comunicato che per ottenere la sim Iliad dovrà pagare ulteriori 9,99 euro. Il metodo di pagamento pre-impostato, invece, è quello con la carta di credito mentre gli altri metodi ci sono ma in caratteri più piccoli.

Secondo l’Aeci, infine, vi è poca trasparenza nelle tariffe per il roaming. Il costo del traffico extrasoglia ovvero la comunicazione di Iliad che è possibile navigare a 0,90 centesimi ogni 100 Mb all’esaurimento dei giga della promozione, invece, non è conforme alla delibera 326/10/CONS dell’Agcom secondo la quale è il cliente a dover accettare il pagamento di costi extra finiti i giga disponibili e deve comunicarlo in forma scritta e non il contrario.

L’Aeci torna poi a sollevare il problema posto dalla Tim pochi giorni fa secondo il quale le simbox non sarebbero sicure per l’utente. Ora si attende la decisione delle Authority che potrebbero anche non prendere in considerazione tali lamentale.

Leggete anche: Vei vincerà la sfida contro Iliad grazie al tutto illimitato della potenza Vodafone? La guerra delle low cost.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Telefonia&Internet, Iliad