Hai ricevuto un messaggio da Intesa Sanpaolo? Può sembrarti una comunicazione ufficiale ma potrebbe essere una truffa

Torna il messaggio di truffa ai danni di Intesa Sanpaolo che può sembrare una comunicazione ufficiale ma invece non lo è in quanto si tratta di una truffa.

di , pubblicato il
truffa ai danni intesa sanpaolo

Torna il messaggio di truffa ai danni di Intesa Sanpaolo che può sembrare una comunicazione ufficiale ma invece non lo è in quanto si tratta di un raggiro. Ed è proprio banca Intesa Sanpaolo a mettere in guardia i suoi clienti sulla pagina Facebook ufficiale. Ecco cosa sta succedendo.

Torna il messaggio di truffa ai danni di Intesa Sanpaolo

Intesa Sanpaolo invita tutti a prestare la massima attenzione al nuovo messaggio che arriva tramite sms o e-mail. Esso chiede di inserire le proprie credenziali di accesso ai servizi di banca online. Tali messaggi sembrano una comunicazione ufficiale ma in realtà non lo sono e vengono inviati a tantissimi destinatari anche se non sono clienti di Intesa.

Le segnalazioni sulla pagina Facebook della banca sono svariate: c’è chi dice di aver ricevuto un messaggio che comunica la rimozione del conto dal sistema e la necessità di dover stipulare un nuovo contratto. C’è poi chi si è ritrovato un messaggio che recitava quanto segue “hai un pagamento da effettuare, entra e verifica nella tua app“. In merito a quest’ultimo Intesa comunica che chi ha inserito operazioni online oppure ha attivato il servizio o-key smart riceverà una notifica di pagamento. Questo mediante notifica. Sarà comunque possibile verificare la propria posizione chiamando i gestori online al numero verde 800303303.

Attenzione alla truffa ai danni di banca Intesa Sanpaolo: ecco come proteggersi

Intesa Sanpaolo comunica che non contatterà mai il cliente mediante messaggio, e-mail, telefono o sui social per chiedere codici personali come numeri di carte di pagamento o password. Nelle comunicazioni, poi, non inserirà mai link a pagina o ad applicazioni esterne con richiesta di codici personali.

Soltanto se il cliente chiamerà il numero verde della banca per delle operazioni o assistenza potrebbero essere richiesti. Comunica infine che gli aggiornamenti delle applicazioni avverranno sempre e solo mediante store ufficiali. E inoltre che qualora venissero chiesti codici personali o dati sensibili come numero di carta di credito o password, si tratterà certamente di un tentativo di truffa per cui non bisognerà mai fornirli.
Leggi anche: Postepay, pioggia di segnalazioni per addebiti non autorizzati: cosa fare e come sporgere denuncia
[email protected]

Argomenti: ,