Emergenza Coronavirus: dove conviene tenere i soldi per guardarci qualcosa?

In un momento di crisi come quello che stiamo vivendo per l'emergenza Coronavirus, in molti si chiedono dove conviene tenere il proprio denaro per guadagnare qualcosina.

di , pubblicato il
In un momento di crisi come quello che stiamo vivendo per l'emergenza Coronavirus, in molti si chiedono dove conviene tenere il proprio denaro per guadagnare qualcosina.

In un momento di crisi come quello che stiamo vivendo per l’emergenza Coronavirus, in molti si chiedono dove conviene tenere i propri soldi per guadagnarci qualcosina. L’economia, come si sa, ha subito un rallentamento e gli italiani non sono per nulla tranquilli. Meglio investire o tenere il denaro fermo sul conto corrente?

I risparmi degli italiani sono al sicuro?

Gli italiani vista la situazione di questi ultimi giorni sono letteralmente con il fiato sospeso. Hanno infatti paura che il proprio Istituto Bancario possa subire l’effetto Coronavirus. Chi ha il proprio denaro sul conto deposito presso una delle Banche Italiane o con operatività online potrà però contare sul Fondo di tutela del FITD. Esso si applica ai depositi in conto corrente, ai depositi vincolati (conti di deposito), ai certificati di deposito, ai libretti di risparmio e agli assegni circolari. Il limite di copertura è uguale a 100 mila euro per depositante, per singola banca, a prescindere dall’appartenenza al medesimo gruppo bancario.

Tra i migliori conti deposito del momento come comunica ConfrontaConti de Ilsole24Ore, troviamo il “Conto Progetto” di Banca Progetto. Con tale conto si avrà a disposizione un conto deposito senza alcun costo in aggiunta e nessuna durata predefinita. Il tasso promozionale sarà dell’1,25% lordo su base annua fino al 31 dicembre 2020 per i già clienti e per i nuovi che lo apriranno entro il 31 marzo. Le somme saranno disponibili, poi, senza alcuna penale, e inviate dopo trentadue giorni dalla richiesta al conto corrente di appoggio del deposito.

Per fruttare il proprio denaro in tempi di crisi

Anche investire in buoni fruttiferi postali potrebbe essere un’alternativa per guadagnare qualcosina in questi tempi di crisi dovuti all’emergenza Coronavirus. Al momento i buoni che rendono di più sono quelli “4×4″ ma per investimenti lunghi, fino a 16 anni.

Si potrà però contare di rendimenti fissi crescenti nel tempo e la possibilità di chiedere il rimborso anche dopo 4, 8 e 12 anni con tutti gli interessi maturati fino a quel lasso di tempo. Si ricorda che alla fine del quarto anno, il rendimento effettivo annuo lordo sarà dello 0,25%, alla fine dell’ottavo anno dello 0,60%, alla fine del dodicesimo anno dello 0,90% ed infine al termine del sedicesimo anno dell’1,25%.

In alternativa si potrà scegliere di investire sull’oro che si conferma tra gli asset più promettenti oppure sulle materie prima come olio, grano o simili. Tenere invece il proprio denaro parcheggiato sul conto corrente non sarà invece una mossa saggia in quanto potrebbe subire la sferzata dell’inflazione. Attenzione poi a conservare i soldi in casa (almeno somme consistenti) in quanto si potrebbero attirare sia ladri che la Guardia di Finanza o ancora il controllo del Fisco. Ricordiamo che l’Agenzia delle Entrate potrebbe interrogare il contribuente che effettua dei pagamenti in contanti sulla provenienza del denaro volendo le dovute giustificazioni.

 

Leggete anche:Risparmiare circa 1378 euro si può grazie alla “52 week money challenge”

[email protected]

Argomenti: ,