Concorso Barilla per vincere 4.000 euro

Barilla ha aperto un contest per chi vorrà cimentarsi con l'invenzione di un nuovo formato di pasta secca: avrà un compenso di 4 mila euro.

di , pubblicato il
Barilla ha aperto un contest per chi vorrà cimentarsi con l'invenzione di un nuovo formato di pasta secca: avrà un compenso di 4 mila euro.

Barilla ha aperto un contest per chi vorrà cimentarsi con l’invenzione di un nuovo formato di pasta secca che l’azienda produrrà poi dietro compenso di 4 mila euro per il brevetto vincente. Come detto, il progetto dovrà essere per la pasta secca per cui non verranno accettati prototipi di pasta ripiena. Barilla comunica che per la preparazione di tale alimento la cottura avverrà in 100 grammi di acqua bollente e 7 grammi di sale. Il prodotto cotto, poi, verrà scolato e condito con una salsa a scelta a base di carne, di pesce, di verdura, pesto, eccetera. Detto ciò, ecco come partecipare al concorso.

Come dovrà essere il nuovo formato di pasta Barilla

La Barilla comunica che il nuovo formato di pasta dovrà rivoluzionare gli aspetti funzionali, estetici e gastronomici. Questo significa che non dovrà soltanto avere una forma particolare ma dovrà contenere delle materie prime meno comuni come ad esempio il mais, il riso o la farina di legumi. La scelta dell’ingrediente dovrà però essere correlata alle sue caratteristiche. Sarà infatti importante che la pasta non si sfaldi, non sia appiccicosa e che sia al dente.
Il concorso sarà aperto a tutti (maggiorenni) e la presentazione del progetto si chiuderà il 4 giugno mentre l’annuncio del vincitore avverrà nel mese di luglio. Questi avrà un premio di 4 mila euro. Barilla inoltre darà la possibilità ai partecipanti di ricevere 1.500 euro per l’acquisto della licenza qualora uno dei progetti non riconosciuti come vincitore piaccia particolarmente.

Criteri di partecipazione al concorso

Barilla comunica che la semola di grano duro e semola di grano duro integrale sono i prodotti che si usano di più per produrre la pasta ma, come già detto, si potranno usare anche altre farine come farro, grano saraceno o di legumi come la farina di ceci o lenticchia purché a cottura mantengano la forma (non si rompano), non si appiccichino e abbiano una consistenza al dente.

I materiali che non si potranno utilizzare saranno invece gli additivi come gli aromi, emulsionanti e coloranti.
Ci saranno poi delle dimensioni da rispettare ovvero la pasta dovrà essere lunga 45 +/-15 mm ed avere un diametro di 15 +/- 5 mm. Per la pasta lunga, invece, la lunghezza potrà essere di 200-300 mm.

Barilla comunica inoltre che bisognerà caricare le foto che meglio presentano il proprio progetto (saranno visibili nella Gallery massimo cinque). Esse dovranno avere una proporzione di 4:3 mentre i formati ammessi saranno il ” jpg”, il “gif” o il “png”. La modalità di colore sarà la “RGB” mentre la la dimensione massima del file dovrà essere di 1 MB. Infine le rappresentazioni saranno preferibili mediante render 3D e qualora sia possibile mediante prototipi. Per tutti i dettagli consultare la pagina ufficiale di desall.
Potrebbe interessarti: Pasta: 7 marchi su 20 contengono glifosato, il test de Ilsalvagente
[email protected]

Argomenti: ,