Come risparmiare sul riscaldamento – la guida definitiva

È arrivato il grande freddo ed è il momento giusto per scoprire come risparmiare fino al 30/40% sulla bolletta del gas grazie a un uso consapevole del riscaldamento.

di , pubblicato il
È arrivato il grande freddo ed è il momento giusto per scoprire come risparmiare fino al 30/40% sulla bolletta del gas grazie a un uso consapevole del riscaldamento.

I consumi di energia per riscaldare le case italiane sono troppo alti: si parla di 140/170 kwh/m2/anno, quando si potrebbe ridurre il tutto del 30/40% con grande risparmio per il portafogli e notevoli vantaggi per l’ambiente. Dunque: come risparmiare sul riscaldamento? la guida che presentiamo permette di evitare gli sprechi e di mantenere il medesimo comfort che cerchiamo nelle gelide giornate di inverno.

La temperatura degli ambienti – come risparmiare sul riscaldamento

Innanzitutto, occorre partire da un dato di fatto: il riscaldamento è ovviamente salutare, ma anche esagerare non fa bene alla salute. I consigli degli esperti parlano di una temperatura ideale interna di circa 20 gradi: ad esempio, superare i 24 gradi non fa bene soprattutto ai bambini. In più, ogni grado superiore alla temperatura ideale porta a consumi maggiorati di circa l’8%. Già soltanto con questi dati si può comprendere quanto possa essere il risparmio sul riscaldamento.

L’efficienza dell’impianto di riscaldamento – la guida su come risparmiare

Fondamentale è prima di tutto l’efficienza dell’impianto di riscaldamento. i consigli sono i seguenti:

  1. Isolamento dell’abitazione e utilizzazione dei doppi vetri (o infissi anodizzati): ricordiamo che se la casa è esposta al sole, si può sfruttare l’apporto termico
  2. Efficienza della caldaia: il suggerimento è di utilizzarne una a condensazione, costano circa il 30/40% in più di una ‘normale’, ma il risparmio è talmente elevato che si rientra immediatamente nelle spese
  3. Utilizzazione delle valvole termostatiche: si applicano sui singoli termosifoni e permettono di regolare l’afflusso di acqua calda all’interno di ogni calorifero; in questo modo è possibile riscaldare maggiormente gli ambienti all’interno dei quali si trascorre la maggior parte del tempo
  4. Il riscaldamento autonomo è conveniente soltanto nelle villette unifamiliari de nei piccoli edifici con non più di 4 abitazioni – la legge comunque ne vieta l’utilizzo per gli edifici di nuova costruzione che superano appunto le 4 abitazioni

Riscaldamento centralizzato: come risparmiare?

Se il riscaldamento della nostra abitazione è centralizzato, come risparmiare? Ecco alcuni utili consigli:

  1. Utilizzare una caldaia dimensionata secondo il vero fabbisogno dell’edificio, prediligendo quelle a condensazione a cascata – da sottolineare è anche la possibilità di accesso alla detrazioni del 65% per spese di riqualificazione energetica
  2. Utilizzazione delle valvole termostatiche per regolar ei consumi nella propria abitazione
  3. Contabilizzazione individuale del ‘calore’ in maniera tale da ripartire i costi a seconda dei consumi effettivi
  4. Nel caso, utilizzare il pellets, più economico e molto meno inquinante.

Leggete anche: Elettrodomestici, ma quanto mi costate? Quali consumano di più e come risparmiare sulla bolletta.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,