Come il Covid-19 sta trasformando le banche e il settore dei pagamenti: l’analisi di Trustpilot

Ecco come la pandemia da Covid-19 sta trasformando banche e settore pagamenti: l'analisi di Trustpilot e London Research.

di , pubblicato il
conti deposito

Come sta trasformando le banche e il settore dei pagamenti il Covid-19?Per dare una risposta Trustpilot , la piattaforma di recensioni leader in Europa, ha condotto un’indagine in collaborazione con London Reasearch.  Essa ha coinvolto sei paesi con lo scopo di capire qual è stata l’evoluzione dei comportamenti dei consumatori nei confronti dei servizi di credito/debito offerti dalle banche. Ecco maggiori dettagli in merito.

Banche e settore pagamenti: ecco come il Covid-19 le sta trasformando

L’anno scorso e quest’anno, i consumatori di tutto il mondo si sono ritrovati ad affrontare una duplice sfida: la pandemia e le conseguenze economiche. Inoltre si è registrata un’accelerazione incredibile nella digital trasformation che non ha risparmiato nemmeno il settore finanziario. Le banche tradizionali sono state infatti affiancate da nuove tecnologie come mobile wallets e contactless nonché dai challenger bank.

Dall’analisi condotta emerge infatti che in Italia solo il 53% si affida ancora ad una banca tradizionale. Il 14% degli intervistati è invece passato alla challenger bank. Quest’ultima è una banca senza filiali fisiche o online che mette a disposizione i propri servizi mediante app o smartphone. Piace molto soprattutto ai millennials per i costi contenuti.

Come il Covid-19 sta trasformando banche e settore pagamenti

Trustpilot insieme con London Research ha condotto un’analisi coinvolgendo 6 paesi ovvero, Italia, Stati Uniti, Francia, Olanda, Svezia, Uk e Francia. Il report ha evidenziato l’evoluzione dei comportamenti dei consumatori nei confronti dei servizi offerti dalle banche. Nel dettaglio emerge che il contactless è in crescita parallelamente alla diminuzione del contante. Nel nostro paese il 53% dei consumatori comunica infatti di essere più propenso ad utilizzare tale strumento di pagamento dall’inizio della pandemia mentre il 40% comunica che lo utilizzava anche prima.


È emersa poi l’ascesa delle challengers banks. In Italia solo il 53% degli intervistati comunica infatti di affidarsi quasi del tutto alle banche tradizionali contro l’86% in Uk e il 92% in Olanda. Il nostro paese, poi, risulta essere quello più aperto alle challengers bank. Il 14% degli intervistati comunica infatti di affidarsi ad esse mentre il 29% di affidarsi ad esse ed in contemporanea alle banche tradizionali.

Come la pandemia sta trasformando banche e settore pagamenti

Dall’analisi di Truspilot emerge inoltre che sono i costi a far gola per le challenger bank. Esse sono infatti quasi del tutto a costo zero e ciò attira tanti consumatori (per il 66%). Inoltre vengono scelte per il livello di reputazione del servizio clienti (59%), per la velocità di attivazione del conto corrente (49%) e per un’ottima digital experience (50%).
Infine dalla ricerca effettuata emerge che su molti servizi finanziari anche le recensioni ed il passaparola sono importanti per l’86% degli intervistati.

Leggi anche: Banche e intelligenza artificiale, le 10 migliori chatbot del momento
[email protected]

Argomenti: ,