Come fare per leggere il contatore Enel ed evitare salassi in bolletta

Ecco tutte le informazioni utili per effettuare lettura contatore Enel ed evitare così salassi e brutte sorprese in bolletta.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Ecco tutte le informazioni utili per effettuare lettura contatore Enel ed evitare così salassi e brutte sorprese in bolletta.

Effettuando la lettura del contatore Enel si potrà rilevare la potenza istantanea assorbita nonché verificare gli effettivi consumi. In questo modo non si avranno cattive sorprese in bolletta e si sarà certi che non arrivi alcun conguaglio. Ecco dunque come fare per leggerlo.

Lettura contatore Enel

In primis, per poter effettuare la lettura del contatore Enel, si dovrà pigiare il dito sul pulsante di lettura. Fatta tale operazione comparirà la seguente scritta “numero cliente” seguita poi dal codice identificativo. Esso potrebbe servire in caso di chiamata al call center dell’Enel. Pigiando nuovamente sul pulsante arancio ovvero quello affianco al display, si visualizzerà la tariffa in corso. Attenzione: la sigla T3 significherà che è stata applicata una tariffa fissa, quella T3 alternata alla T2 significherà che è stata applicata una tariffa bioraria e ancora potrebbero essere visualizzate le fasce orarie F1, F2 ed F3. Ricordiamo che la F1 è quella che va dalle 8 alle 19 di tutti i giorni feriali tranne il sabato. La F2 è quella che va dalle 7 alle 8 e dalle 19 alle 23 dei giorni feriali tranne il sabato ed infine la F3 è quella che va dalle 23 alle 7 del mattino dal lunedì al venerdì mentre il sabato, la domenica e tutti i giorni festivi per l’intera giornata. I numeri che compaiono accanto a tali fasce sono gli effettivi consumi effettuati in quelle fasce orarie.

Come leggere il contatore Enel

Premendo nuovamente sul pulsante comparirà la potenza istantanea assorbita che si aggiorna ogni due minuti. Essa è quella utilizzata al momento della lettura. Compariranno poi i consumi del periodo attuale che bisognerà segnare su di un foglio. In primis ci sarà la sigla A1 che è quella riferita al consumo in fascia oraria F1, l’A2 quella riferita alla fascia oraria 2 ed infine A3 quella riferita alla fascia oraria 3. Le prime A1,A2 ed A3 faranno riferimento ad i consumi in KWh effettuati nel periodo attuale ovvero quello dall’ultima bolletta. Premendo ancora il pulsante arancione, infine, compariranno di nuovo le voci A1,A2 e A3 ma si riferiranno ai consumi reali del mese precedente.

Leggete anche: Bollette Enel Energia: tutte le modalità di pagamento per risparmiare tempo e fatica.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Per la casa, Utenze domestiche