Carta di debito Postepay di Poste Italiane: come funziona, quali sono i costi?

Ecco come funziona la carta di debito Postepay di Poste Italiane e quali sono i costi per prelievi di contante e pagamenti.

di , pubblicato il
mutuo bancoposta

Esiste anche la carta di debito Postepay di Poste Italiane. Essa, però, non è per tutti ma solo per chi ha un conto corrente BancoPosta. Si usa per effettuare gli acquisti quotidiani in modo sicuro e da è oggi ancora più smart. Si può richiedere direttamente in ufficio postale (quello di riferimento) o dall’applicazione BancoPosta qualora si stia richiedendo l’apertura del conto. Ecco maggiori dettagli in merito.

Come funziona la carta di debito Postepay di Poste Italiane

È possibile richiedere, come detto, la carta di debito Postepay di Poste Italiane in ufficio postale o da app BancoPosta. L’attivazione, invece, può avvenire o in ufficio postale oppure presso un Atm Postamat. Nel caso in cui, invece, si richieda la carta in apertura del conto BancoPosta (che al momento è in super offerta) in ufficio postale o da app su un conto già aperto la si potrà attivare anche dall’area riservata postepay.
Grazie ad essa si potrà pagare online ed autorizzare gli acquisti in app, si potranno acquistare i biglietti dei mezzi di trasporto, pagare le strisce blu ma anche il carburante. Questo direttamente in app Postepay. In più si potrà utilizzare il proprio smartphone per fare shopping con Google Pay oppure inquadrando il codice QR nei negozi che hanno convenzione con Postepay. E ancora si potranno trasferire soldi in app Postepay grazie al P2P (tra titolari di prepagate e carte di debito).
Ovviamente sarà possibile anche gestire l’operatività della carta mediante app BancoPosta e Postepay. Si potranno infatti modificare i massimali di spesa e di prelievo entro i limiti previsti nonché vietare o abilitare i pagamenti in contactless. Infine gestire anche l’area geografica.

Carta di debito Postepay di Poste Italiane: le altre informazioni e i costi

Per quanto riguarda l’emissione della carta di debito Postepay, essa verrà consegnata al cliente nel momento in cui si aprirà il conto BancoPosta insieme al Pin. Come detto prima, poi, l’attivazione potrà essere fatta o in ufficio postale o presso gli Atm Postamat. Il meccanismo di rinnovo sarà ancora più semplice: si riceverà a casa quella nuova all’indirizzo indicato in fase di sottoscrizione del conto corrente. Essa si potrà usare con lo stesso pin e l’operatività avverrà con il medesimo numero di cellulare associato. L’attivazione, poi, si dovrà effettuare nei due modi su indicati.

Per quanto concerne i costi per i prelievi di contante: essi saranno pari a zero da ufficio postale ed Atm Postamat. La commissione sarà invece di 1,75 euro per prelievi in euro da Atm Bancario abilitato sia nel nostro paese che all’estero. Invece di 2,58 euro +1,30% dell’importo del prelievo per i prelievi fatti non in euro da Atm bancari abilitati all’estero.

Inoltre per i pagamenti in valuta euro su Pos di esercenti anche online aderenti al circuito Mastercard (italia(estero) non si pagherà nulla. L’importo sarà invece dell’1,30% per i pagamenti in valuta diversa dall’euro su Pos esercenti anche online aderenti al circuito Mastercard all’estero.
Leggi anche: Contanti, limite prelievi 2022: quanto si può ritirare al Bancomat? Quando scattano i controlli?
[email protected]

Argomenti: ,