Cambio gomme invernali 2021: ecco da quando scatta l’obbligo e come risparmiare

Come risparmiare sul cambio gomme e quando scatta l'obbligo del cambio pneumatici da neve 2021.

di , pubblicato il
migliori gomme invernali

L’inverno sta arrivando per cui gli automobilisti dovranno effettuare il cambio gomme da estive a invernali. L’obbligo è scattato il 15 ottobre ma ci sarà tempo per la sostituzione degli pneumatici fino al 15 novembre. Durante l’inverno, poi, tali tipologie di gomme sono obbligatorie sulla maggior parte delle strade e sulle autostrade anche se ogni tratta ha le sue regole. Ecco allora come riconoscere le gomme invernali e come risparmiare.

Come riconoscere le gomme invernali e quali sono le migliori

Le gomme invernali devono avere la dicitura M+S che significa Mus e Show ovvero fango e neve. Devono avere inoltre un battistrada con molte lamelle per poter fare grip sulla neve. Esse sono contrassegnate dal fiocco di neve e sono realizzate proprio per questa stagione: la mescola è infatti più morbida e garantisce aderenza anche sotto i 7 gradi. Per trovare i migliori pneumatici invernali si possono controllare i test eseguiti da associazioni a tutela dei consumatori come Altroconsumo o enti indipendenti come Tcs. Le gommem ricordiamo, si dovranno per forza sostituire laddove indicato e si dovranno tenere fino al 15 aprile, pena sanzioni pecuniarie che possono partire anche da 80 euro. Ricordiamo che chi non vuole montare tali gomme, potrà optare per le catene da neve oppure per le gomme all season.

Come risparmiare sul cambio gomme invernali

Il primo suggerimento per risparmiare sul cambio gomme sarà quello di rivolgersi al proprio gommista di fiducia o in alternativa chiedere più preventivi. Si dovranno poi scegliere prodotti di qualità o delle marche più note in modo tale da avere più possibilità di scelta. Quando si cambiano le gomme, poi, si dovtà sempre tenere a mente che dopo i primi 5 anni andranno controllate.

È previsto un limite di usura intorno ai 10 anni ma per stare tranquilli, gli pneumatici andrebbero sostituiti tra i venti ed i quaranta chilometri.
Un’altra modalità per risparmiare è quella di sfruttare promozioni ed offerte sul web. C’è ad esempio il sito Gommadiretto.it che permette di scegliere tra diverse tipologie di pneumatici come Continental, Pirelli, Bridgestone, Michelin, Hankook, Good Year e tante altri. Tale sito offre servizio di montaggio in più di 4600 officine partner e c’è la politica di restituzione dopo 30 giorni. C’è poi Pneus Online.it che propone i migliori prezzi divisi per gomme auto, cerchioni, pneumatici moto e pneumatici Quad.
Si potrà risparmiare anche optando per gli pneumatici ricostruiti o rigenerati. Essi si trovano sul mercato da pochi anni, rappresentano un’ottima scelta ecologica e presentano un battistrada usurato cambiato con materiale nuovo. Ciò è possibile in quanto la struttura portante dura di più della gomma. Tale tipologia di pneumatici deve superare i medesimi test delle gomme nuove e ricevere anche la certificazione europea. Se quest’ultima non c’è non possono essere vendute.
Potrebbe interessarti: Accensione termosifoni, si rischia di pagare fino a 645 euro in più sulla bolletta del gas: ecco come risparmiare
[email protected]

Argomenti: ,