Buoni fruttiferi postali 4 anni risparmiosemplice: rendimento premiale e regime fiscale

Caratteristiche, rendimento premiale e standard, regime fiscale dei buoni fruttiferi postali 4 anni risparmiosemplice.

di , pubblicato il
Caratteristiche, rendimento premiale e standard, regime fiscale  dei buoni fruttiferi postali 4 anni risparmiosemplice.

I buoni fruttiferi postali 4 anni risparmiosemplice sono titoli con durata massima di quattro anni e sottoscrivibili soltanto da persone maggiorenni che hanno attivato un piano di risparmio denominato “risparmiosemplice”. Ecco le principali caratteristiche e le info sul tasso premiale e sul regime fiscale.

Bfp 4 anni risparmiosemplice

I buoni fruttiferi postali 4 anni risparmiosemplice sono dei titoli sottoscrivibili esclusivamente nell’ambito del piano risparmiosemplice. La loro durata massima è di quattro anni mentre il rendimento premiale a scadenza è dello 0,50% annuo lordo. Questo soltanto se verranno raggiunte minimo 24 sottoscrizioni periodiche nell’ambito del piano di risparmio.

Grazie a tale titolo si potrà risparmiare quindi un po’ alla volta: si potranno, infatti, accantonare in forma periodica degli importi anche non esagerati in modo tale da costruire nel tempo un piccolo capitale per degli scopi previdenziali. Come detto, poi, il rendimento premiale si raggiungerà con un minimo di 24 sottoscrizioni periodiche e verrà applicato su ciascun buono sottoscritto nell’ambito del piano che si porterà a scadenza.

I buoni 4 anni risparmio semplice: la cointestazione

I bfp 4 anni risparmiosemplice saranno emessi in forma dematerializzata esclusivamente nell’ambito del piano di risparmio “risparmiosemplice”. La durata, come comunicato, sarà massimo di quattro anni e gli interessi matureranno soltanto alla fine del quarto anno. Tali titoli saranno un prodotto sicuro perché emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti e garantiti dallo Stato Italiano. Inoltre potranno essere sottoscritti soltanto da persone fisiche maggiorenni. La cointestazione sarà ammessa ma massimo tra quattro persone.

Ricordiamo che tale tipologia di buoni (dematerializzati) avrà la stessa intestazione del conto corrente postale o del libretto di risparmio postale che saranno quindi necessari per la loro sottoscrizione. Infine quest’ultima avverrà per tagli da 50 euro e multipli è l’importo massimo sottoscrivibile da unico soggetto nella medesima giornata di lavoro sarà di 1.000.

000 di euro.

Modalità di sottoscrizione nel nell’ambito del piano risparmiosemplice

I bfp 4 anni risparmiosemplice saranno sottoscrivibili soltanto nel piano di risparmio “risparmiosemplice” per il quale saranno previste:

  • sottoscrizioni periodiche mensili o bimestrali. Nel dettaglio ogni 5 o 27 del mese per un importo minimo di 50 euro e fino ad un massimo di 1.000.000 di euro,
  • delle sottoscrizioni in aggiunta al giorno (minimo 50 euro massimo 1.000.0000 euro). Esse non concorreranno al raggiungimento del numero minimo di sottoscrizioni periodiche per l’ottenimento del rendimento premiale,
  • sottoscrizioni da reinvestimento. Le somme che provengono dalla scadenza di tale tipologia di buoni saranno reinvestite in automatico nell’ambito del piano di risparmio stesso per importi minimi di 50 euro e multipli di 1 centesimo di euro.

Si ricorda che ad ogni sottoscrizione, corrisponderà l’emissione di un singolo titolo 4 anni risparmiosemplice.

Tasso premiale

Il tasso effettivo di rendimento annuo lordo alla fine di ciascun anno sarà dello 0,25 % standard alla scadenza del quarto anno e dello 0,50% premiale alla scadenza del quarto anno. Il capitale investito in tali buoni, comunque, potrà essere rimborsato in ogni momento ma senza riconoscimento degli interessi. Il rimborso dei cointestati, invece, potrà essere richiesto da tutti i cointestatari congiuntamente o da ciascun cointestatario separatamente a seconda della modalità scelta durante la sottoscrizione e riportata sul titolo.

Regime fiscale

I proventi maturati sui buoni e gli interessi fissi saranno soggetti al regime dell’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nella misura del 12,50%. Si ricorda che tali titoli saranno esenti da imposta di successione e da imposta di bollo qualora, complessivamente, il loro valore di rimborso non sarà superiore ai 5.000 euro.

Poste Italiane ricorda che per i buoni emessi in forma cartacea prima del 1° gennaio 2009 l’imposta sarà calcolata sul valore nominale del singolo titolo. Ricordiamo che essa viene applicata soltanto dal 2012 in misura proporzionale dello 0,10%, dello 0,15% per il 2013 e dello 0,20% dal 2014 in poi. Per quanto concerne l’applicazione, l’imposta proporzionale si applica al valore nominale (quindi al capitale investito) di ogni singolo titolo ogni 31 dicembre di vita del buono.

Per quelli cartacei emessi dopo il 2009, infine, l’imposta verrà calcolata sul valore nominale di tutti i bfp che si possiedono sia cartacei che dematerializzati con la stessa intestazione se il valore effettivo di rimborso a netto degli oneri fiscali supererà in forma complessiva i 5.000 euro. Per quanto concerne l’imposta, essa viene applicata solo da 2012 in misura proporzionale dello 0,10%, dello 0,15% per il 2013 e dello 0,20% dal 2014.

Leggete anche: Buoni fruttiferi postali 3×2: per chi vuole investire nel breve periodo

[email protected]

Argomenti: ,