Bonifico: quanto si attende per l’accredito del denaro e da oggi cosa cambia?

Tempistica accredito bonifico, costi e cos'è l'orario cut-off.

di , pubblicato il
Siglato accordo tra Deutsche Bank e Prestitionline che permetterà di ampliare i servizi offerti per la cessione del quinto.

Il bonifico è un’operazione bancaria mediante la quale si trasferisce del denaro da un conto corrente ad un altro conto corrente in modo semplice e sicuro. Da oggi 1° luglio, poi, c’è una novità ovvero scende il massimale del contante che è possibile utilizzare per i pagamenti. Il tetto, infatti, si riduce dagli attuali 3 mila ai 2 mila euro tranne che per il money transfer la cui soglia è di mille euro e per il prelevamento dal proprio conto corrente che non viene considerata come una transazione.

Quindi da oggi 1° luglio chi vorrà effettuare pagamenti superiori ai 2 mila euro dovrà utilizzare degli strumenti tracciabili come il bonifico o l’assegno. Nel 2021 si cambierà ancora in quanto il massimale scenderà a mille euro.

Il bonifico come strumento di pagamento si utilizzerà sempre più spesso per cui ci si chiede quanto bisogna attendere per l’accredito del denaro e quali sono i suoi costi. Ecco le info.

Quali sono i tempi per l’accredito di un bonifico bancario

I tempi per l’accredito di un bonifico bancario sono di 1 giorno se la Banca e la filiale di chi effettua e di chi dispone il bonifico sono le medesime e di 2 giorni se la Banca è la stessa ma le filiali sono diverse. Infine di 3 giorni se gli Istituti di Credito sono diversi.

È poi importante per stabilire la tempistica di un bonifico anche tenere conto dell’orario in cui viene disposto che nel linguaggio finanziario viene definito orario di cut-off. Quest’ultimo è l’orario fissato dalla Banca entro il quale l’ordine di effettuare un bonifico si considera ricevuto nel giorno in corso. Quando tale tempistica si supera l’ordine di effettuare un bonifico si considera ricevuto nel giorno seguente.

Ecco un esempio: se un Istituto di Credito stabilisce che l’orario di cut-off per accettare un bonifico in uscita è le 14 il cliente può disporre di un bonifico entro tale orario e così il beneficiario lo riceve il giorno seguente. Se invece il cliente dispone il bonifico alle 15,  il beneficiario riceverà il denaro non il giorno seguente ma quell’altro ancora.

Ovviamente l’orario di cut-off cambierà da Banca a Banca: ad esempio per la Mediolanum sarà alle 17 mentre per la Credem alle 20.

Il bonifico istantaneo

Un’altro tipo di bonifico sarà quello istantaneo detto Sepa Instant Credit Transfer grazie al quale i privati e le aziende potranno effettuare pagamenti in tempo reale in Europa. La comodità è che il trasferimento sarà immediato 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 anche in quelli festivi. Ovviamente tale bonifico molto spesso genera dei costi che saranno diversi da Banca a Banca.

Attenzione: a differenza del bonifico ordinario quello istantaneo non potrà essere revocato. Solo in caso di invio doppio, di problema tecnico o di frode, la Banca che lo ordina potrà richiamarlo.

Costi bonifico

Sono diversi i fattori che determinano il costo di un bonifico. Il primo è sicuramente la condizione imposta dalla Banca al momento dell’apertura del conto corrente o dopo (molte comunque non fanno pagare tale servizio) e il tipo di bonifico sul territorio nazionale o all’estero. Un altro fattore è la cifra che dovrà essere trasferita nonché la modalità in cui verrà eseguita l’operazione (esempio allo sportello dove il costo sarà più elevato oppure online con costi inferiori). Infine un altro fattore sarà il destinatario del bonifico (se correntista della medesima Banca l’operazione sarà quasi sempre gratuita) e le caratteristiche di esso (se urgente costerà di più). Si potrà quindi pagare dagli zero euro ai 10 euro e più.

[email protected]

Argomenti: ,