Bollette luce e gas, ecco cosa cambia con il nuovo calcolo in primavera

Novità sul calcolo delle bollette di luce e gas dalla primavera: le prime indicazioni del ministro Giorgetti.

di , pubblicato il
Bollette luce e gas: da incubo.

L’anno 2022 si è confermato uno dei più cari per quanto concerne le bollette di luce e gas. Sono stati, infatti, tanti gli italiani che si sono ritrovati a sostenere cifre da capogiro e sono tanti anche quelli scontenti delle misure prese dal Governo per far fronte a tale emergenza. Inoltre ci sono molti cittadini che adesso temono quello che potrà accadere a causa dello sblocco degli aumenti dei contratti in scadenza.

La norma contenuta nel Decreto Milleproroghe 2023 consente infatti al fornitore di elettricità o gas (o entrambi) di aggiornare le condizioni economiche contrattuali alla scadenza. Significa che se esse scadono il 5 gennaio 2023, le tariffe potranno essere aumentate subito secondo l’andamento del mercato e ciò vale sia per le utenze domestiche che per quelle industriali. Gli aumenti in bolletta, però, dovranno esserci nel rispetto dei termini di preavviso del contratto che sono di minimo tre mesi. Se questi tempi non si rispettano l’azienda deve pagare un indennizzo.

La manovra

Il Governo Meloni ha deciso di stanziare nell’ultima Legge di Bilancio numerose risorse per tenere sotto controllo i prezzi delle bollette di luce e gas.

Giancarlo Giorgetti, qualche giorno fa, ha spiegato come potrebbe essere il nuovo meccanismo di calcolo con fasce protette e incentivi per il risparmio energetico.

Secondo le prime indicazioni fornite dal ministro, si dovrebbe dare ai consumatori la possibilità di utilizzare una fascia protetta di consumo del 70-80% con prezzi in linea con consumi e costi degli anni passati. Chi consuma più energia, poi, dovrebbe pagare di più. Questa è in sostanza l’idea di Giorgetti che potrebbe esordire la prossima primavera.

Enel anticipa

Bollette di luce e gas più basse per chi consuma di meno.

Alcune utility si sono già mosse in questa direzione come Enel che nel mercato libero ha inviato una lettera ai tanti clienti comunicando l’introduzione di un piccolo incentivo economico per chi avrebbe tagliato i propri consumi. L’iniziativa ha presso il nome di EssenzialMente e grazie a essa si è potuto fruire di una riduzione uguale allo 0,10% per ogni kilowattora risparmiato a ottobre, novembre e dicembre.

Per aiutare i consumatori a tagliare i consumi dell’energia anche Terna ha predisposto uno strumento chiamato “Ecologio”. Esso indica la fascia oraria di picco durante la quale sarebbe preferibile, per risparmiare, usare meno l’elettricità. Indica inoltre le eventuali ore critiche (gialle e rosse) in cui il sistema elettrico è sotto sforzo per colpa di alcuni fattori esterni che potrebbero mettere a rischio la sicurezza dei servizi.

[email protected]

Argomenti: ,