Addebito in bolletta di elenchi telefonici non desiderati: cosa fare?

Che fare nel caso si abbia un addebito indesiderato in bolletta per elenchi telefonici mai richiesti e soprattutto mai arrivati?

di , pubblicato il
bolletta sbagliata

L’Unione Nazionale Consumatori ha posto l’attenzione sull’addebito in bolletta di elenchi telefonici non voluti. Molti consumatori, infatti, continuano a denunciare tale pratica scorretta per cui l’Associazione ha posto la questione all ‘Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Ha inoltre comunicato a quest’ultima che dopo la sospensione del servizio, gli utenti non sanno come ottenere il rimborso per un servizio non fruito.

Addebito in bolletta di elenchi telefonici non desiderati: cosa fare?

Sono molte le persone che si ritrovano un addebito in bolletta non desiderato per la “fruizione” degli elenchi telefonici. Il problema è che nella maggior parte dei casi questi ultimi non vengono nemmeno consegnati. Il web ha oramai soppiantato il cartaceo per cui molti numeri telefonici si trovano tranquillamente online. Alcuni operatori telefonici, però, nonostante ciò, continuano ad inviare tali elenchi facendoseli pagare e i consumatori se ne accorgono alle volte soltanto dopo mesi. Il costo non è alto in quanto si tratta di circa 4 euro. Gli utenti, però, si lamentano del fatto di avere attivo un servizio mai richiesto e della mancata consegna degli elenchi. Per questo si sentono davvero presi in giro.

Per capire se si sta pagando per il servizio su indicato basta controllare con attenzione le bollette, ovviamente anche quelle vecchie. Esattamente la voce “Corrispettivo annuo consegna elenchi telefonici” che è quella dove si trova l’addebito. Nel caso vi sia l’addebito, non si dovrà fare nient’altro che inviare una disdetta (meglio in forma scritta che potrà servire come prova) all’operatore telefonico che gestisce la linea di casa.
Per altri servizi non richiesti, invece, si dovrà anche in questo caso presentare un reclamo scritto mediante raccomandata A/R, fax al numero del servizio clienti oppure avvalendosi del sito o della pagina social dell’azienda.

In esso si dovrà chiedere l’immediata disattivazione del servizio ma anche lo storno delle somme fatturate in modo indebito nonché il rimborso di quanto pagato.
Leggi anche:  Nuova utenza elettrica: quando arriva il primo addebito del canone RAI in bolletta?
[email protected]

Argomenti: ,