La Cina emetterà un nuovo bond in dollari nel mezzo di una frenata dell’economia

Nuova emissione di un bond in dollari da parte della Cina, che ieri ha dato apposito mandato a 14 banche internazionali

di , pubblicato il
Nuovo bond in dollari della Cina

La Cina ha dato mandato a 14 banche internazionali per l’emissione di un nuovo bond in dollari suddiviso in più tranche e per un importo complessivo di 4 miliardi. Tra gli istituti coinvolti ci sono Bank of China, Bank of America, Citigroup, China Construction Bank, Deutsche Bank e Goldman Sachs. Sarebbe il primo collocamento in valuta americana dopo quello effettuato nell’ottobre dello scorso anno per un controvalore totale di 6 miliardi di dollari.

In quell’occasione, furono emessi titoli a 3, 5, 10 e 30 anni. Oggi, il rendimento della tranche con scadenza 2050 offre un rendimento del 2,52%, a premio di 47 punti base sul Treasury di pari durata, in calo dai 75 punti del collocamento. In effetti, parliamo di obbligazioni dal rischio di credito assai basso. Moody’s ha assegnato loro il rating A1, il massimo possibile.

Bond Cina e rallentamento economico

Eppure, i bond in dollari della Cina stanno arrivando in una fase molto delicata per l’economia del Dragone. Essa è stata colpita da fattori multipli come la carenza di chip, la crisi energetica, la crisi delle costruzioni e l’imposizione di nuove restrizioni anti-Covid per spegnere alcuni focolai. Nel terzo trimestre, la crescita annua del PIL è scesa al 4,9% dal 7,9% del secondo trimestre. La produzione industriale a settembre è rimasta quasi invariata (+0,05%) su agosto e si è espansa solamente dello 0,2% nel trimestre, giù dal +1,2% del trimestre precedente e tra i livelli più bassi dell’ultimo decennio.

Tiene banco da settimane il caso Evergrande, il colosso immobiliare andato in default per eccesso di debiti. Per quanto il suo tracollo sia manovrato dalle autorità di Pechino, esso svela la grande fragilità su cui poggia l’economia cinese, vale a dire l’ipertrofia del settore costruzioni, il quale vale circa un quarto del PIL.

E gli obbligazionisti sono corsi ai ripari, vendendo titoli “spazzatura”, i cui rendimenti sono esplosi a livelli allarmanti. Ad ogni modo, i bond in dollari sovrani non presenterebbero rischi apprezzabili. Resta quello di cambio per le possibili future variazioni a noi sfavorevoli del cambio euro-dollaro.

L’emissione è classificata 144A e RegS. Significa che gli investitori americani potranno comprare i bond e, però, questi non potranno essere piazzati sul mercato americano. La prima volta che la Cina ha aperto alla finanza USA per una sua emissione sovrana fu proprio con l’emissione di ottobre 2020.

[email protected] 

Argomenti: , , , ,