BTp Italia 2026 vincitore con il ritorno dell’inflazione: il confronto con cedola fissa e BTp€i

Il bond indicizzato è per adesso il vincitore della corsa a tre sul tratto a 5 anni con il rialzo dell'inflazione. Batte BTp€i e cedola fissa.

di , pubblicato il
BTp Italia 2026

E’ tornata l’inflazione, seppure in Italia ancora su livelli abbastanza contenuti. A maggio, nell’intera Eurozona è salita al 2% contro l’1,3% nel nostro Paese. E inevitabilmente il pensiero degli obbligazionisti corre ai bond indicizzati. Uno di questi è il BTp Italia 2026 (ISIN: IT0005332835). La scadenza a 5 anni è ottimale per cercare di proteggere il capitale contro l’inflazione.

Nell’ultimo anno, il titolo si è apprezzato del 9,2%, salendo a una quotazione di 105,31. E così, offre un rendimento annuo lordo del -0,49%, che si confronta con lo 0,17% del BTp a 5 anni con cedola fissa. Sulla base di questi dati, desumiamo che il mercato si aspetterebbe un tasso medio d’inflazione dello 0,66% all’anno per il prossimo quinquennio. Troppo poco? Nessuno ha la sfera di cristallo per prevedere quale sarà con esattezza la crescita tendenziale dei prezzi al consumo in futuro. Possiamo limitarci ad osservare che nel quinquennio precedente al Covid (2015-2019), l’inflazione media italiana fu neppure dello 0,60%.

A priori, quindi, non possiamo affermare che il BTp Italia 2026 stia scontando un’inflazione italiana erroneamente troppo bassa. Certo, se il mercato la stesse sottostimando, il rendimento effettivo percepito dall’obbligazionista risulterebbe superiore. Si ritroverebbe con una rivalutazione di cedole e capitale superiore a quella insita nei prezzi all’atto dell’investimento.

Che vi sia stata una corsa ai bond indicizzati lo s’intuisce anche dal +3,8% messo a segno nell’ultimo anno dal BTp con cedola fissa, meno della metà del BTp Italia 2026. Molto bene ha fatto, invece, anche il BTp€i 2026, la cui quotazione è salita dell’8,4% per offrire un rendimento del -0,99%. In questo caso, l’aggancio è all’inflazione dell’Eurozona. E sarebbe stata così stimata a una media dell’1,16% per il prossimo quinquennio.

Si tratta di mezzo punto percentuale in più all’anno rispetto all’inflazione attesa in Italia.

In un certo senso, la previsione appare coerente. L’Italia dovrebbe uscire più faticosamente dalla crisi economica rispetto al resto dell’area, così come avvenne dopo la crisi finanziaria mondiale del 2008-’09. Il minore dinamismo della crescita si ripercuoterebbe sui prezzi al consumo. Ed ecco, quindi, che il BTp Italia 2026 rende lo 0,5% in più per scontare un tasso d’inflazione domestico altrettanto più basso. Da notare, infine, come il trend delle quotazioni sia crescente per entrambi i bond indicizzati, mentre per il BTp con cedola fissa si registra un’inversione di tendenza dallo scorso febbraio. Anche questi movimenti sono coerenti con la reflazione in corso.

[email protected] 

Argomenti: , ,