Asta BTp 29 novembre, c’è la terza tranche del decennale

All'asta BTp a medio-lunga scadenza ci sarà la terza tranche del bond a 10 anni, oltre al CcTeu 2030 legato ai tassi Euribor

di , pubblicato il
BTp a 20 anni, ecco l'andamento sul mercato

Martedì 29 novembre si terrà un’asta di BTp a medio-lunga scadenza. Il Tesoro punta a raccogliere tra un minimo di 3,25 e un massimo di 4,25 miliardi di euro. L’importo sarà così suddiviso:

  • Terza tranche del BTp 1 maggio 2033 e cedola 4,40% (ISIN: IT0005518128) per 2,5-3 miliardi;
  • Decima tranche del CcTeu 15 ottobre 2030 e cedola 0,75% + Euribor 6 mesi (ISIN: IT0005491250) per 0,75-1,25 miliardi.

Due bond redditizi all’asta BTp

Con questa emissione gli investitori hanno l’opportunità di inserire in portafoglio un titolo relativamente redditizio e che già inizia ad offrire rendimenti sempre più bassi sul mercato secondario. Il nuovo BTp a 10 anni ha guadagnato il 5% in termini di prezzo nel solo mese di novembre, portandosi a una quotazione sopra 104,50. Dunque, tratta nettamente sopra la pari e, pertanto, rende adesso molto meno rispetto a quanto faccia intendere la cedola.

Lo scorso venerdì, il nuovo BTp a 10 anni trattava a un rendimento inferiore al 3,85%, pur a premio rispetto all’attuale “benchmark” decennale in scadenza a dicembre 2032.

Non meno interessante sarà il CcTeu. Esso è un titolo di stato peculiare, nel senso che non offre una cedola fissa, bensì indicizzata all’andamento dell’Euribor a 6 mesi. A esso aggiunge uno spread dello 0,75%.

L’Euribor a 6 mesi a cui fa riferimento è quello vigente due sedute antecedenti l’inizio della data di godimento semestrale degli interessi. Sulla base di questo dato, otteniamo che il rendimento annualizzato del CcTeu 2030 risulta attualmente in area 3,55%. Non male per un titolo della durata residua di neppure otto anni. E c’è da dire che in prospettiva potrà staccare qualche cedola ancora più generosa, se è vero che l’Euribor a 6 mesi risulta salito dello 0,35% rispetto al suo valore di metà ottobre, quello a cui farà riferimento la cedola di aprile.

Ultime chiamate per rendimenti alti?

I rendimenti all’asta BTp iniziano a stabilizzarsi o a contrarsi. Sarebbe il segno che avrebbero raggiunto l’apice, almeno per il momento. Il mercato sconta tassi BCE fino al 3% nella prima parte del prossimo anno. Ad oggi, non prevede una stretta monetaria più dura. Anche perché l’inflazione starebbe a sua volta avvicinandosi all’apice, come fa intendere qualche segnale arrivato dalla Germania in merito ai prezzi alla produzione.

Di questo passo, cedole lorde annuali del 4,40% non ne vedremmo più alle nuove emissioni del prossimo anno. Chiaramente, può anche accadere che la BCE proceda sui tassi più speditamente del previsto. Tuttavia, lo scenario di base resta di una stretta arrivata quasi al capolinea. Semmai, l’istituto cercherà di contrastare l’alta inflazione riducendo il suo bilancio tramite il “quantitative tightening”.

[email protected] 

Argomenti: , ,