Virgilio e Libero Mail out da diversi giorni, cosa sta succedendo? Ecco la risposta ufficiale

Continua il down di Virgilio e Libero Mail, cosa sta succedendo? Posta out ormai da diversi giorni. Arriva la comunicazione ufficiale.

di , pubblicato il
Virgilio libero mail

Purtroppo continua il down della posta elettronica, Virgilio e Libero mail sono out ormai da diversi giorni e gli utenti continuano a protestare sui social. Al momento, però, non è stata ancora trovata una soluzione e l’unica cosa che può confortare gli utenti è il fatto che gli sviluppatori stiano lavorando incessantemente per risolvere il problema.

Virgilio e Libero Mail out, cosa succede?

Il problema dei down è una cosa che ci tocca spesso. Molte volte anche WhatsApp si è trovato in questo problema, ma lo ha risolto in poche ore. In questo caso, invece, si va verso il quarto giorno di down per Virgilio e Libero Mail. L’azienda si scusa con i propri utenti, incredula come tutti per l’accaduto, visto che in 25 anni non è mai successa una cosa del genere, come si legge nello stesso comunicato ufficiale rilasciato dallo staff di Virgilio. Ecco il testo:

Le nostre parole vanno in primis agli utenti della Libero Mail e della Virgilio Mail, che hanno aperto con noi le loro caselle di posta elettronica: siamo consapevoli del disagio procurato e del disservizio.
“Stiamo lavorando incessantemente da ormai diverse ore per risolvere un problema infrastrutturale inaspettato e imprevisto – dichiara Diego Rizzi, Chief Technology Officer di Italiaonline – e che non è dipeso da sistemi sviluppati da Italiaonline. Possiamo rassicurare, come già scritto sui nostri portali e touchpoint digitali, che i nostri utenti sono stati in questa situazione di emergenza, e continueranno ad essere sempre, la nostra priorità. L’attuale situazione non è dipendente da attacchi cyber esterni”.

Come abbiamo avuto modo di comunicare ai nostri utenti in queste ore, in 25 anni di servizio fedele agli italiani, non ci è mai successo di restare off-line per così tanto tempo.
Abbiamo letto tutti i messaggi comparsi sui social network e compreso perfettamente i disagi arrecati. Sappiamo che milioni di italiani contano su di noi per comunicare e questo ci sta dando la spinta per lavorare giorno e notte per risolvere il problema il più velocemente possibile. Non possiamo che scusarci e ringraziarvi per la pazienza e la fiducia.

Prevediamo di poter avere maggiori informazioni nelle prossime ore. In ogni caso terremo aggiornati i nostri utenti, come fatto finora, attraverso i canali di Italiaonline.

Cosa fare in attesa del ripristino?

La domanda che ora molti italiani si pongono è: cosa fare in attesa che il guasto sia riparato? In effetti, si tratta di una tegola non da poco. Pensiamo a coloro che utilizzano le mail per lavoro, in questo momento a livello professionale infatti risultano fortemente penalizzati dall’accaduto. Ma non solo i professionisti stanno subendo grossi disagi, anche i cittadini comuni potrebbero trovarsi in difficoltà, visto che tante comunicazioni oggi giorno arrivano via mail. Pensiamo ad esempio a coloro che ricevono notifiche di bollette o altre comunicazioni, in questo modo risultano all’oscuro di tutto e non hanno modo di ovviare al problema.

Ovviamente, per quanto riguarda la ricezione di messaggi sulla propria posta, non c’è molto da fare. Naturalmente, ricordiamo che esistono tanti metodi alternativi per inviare file e comunicazioni varie. Oltre ad aprire una nuova posta elettronica co un’altra azienda, è possibile utilizzare i canali WhatsApp e Telegram per mettersi in contatto con le aziende che ci interessano al fine di comunicare l’accaduto e trovare una soluzione alternativa. Con le app di messaggistica è inoltre possibile inviare documenti e file e scambiare quindi la documentazione necessaria per le vostre pratiche più urgenti. Inoltre, andando a scovare i canali ufficiali Telegram, o gli account business di WhatsApp è possibile mettersi in contatto con loro al fine di aprire una nuova via di comunicazione in attesa che Virgilio e Libero Mail risolvano la questione.

Argomenti: Nessuno