'Viaggi Ue e Covid-19: quarantena e Green Pass, le nuove regole

Viaggi Ue e Covid-19: quarantena e Green Pass, come potrebbero cambiare le regole

Viaggi Ue e Covid-19, come cambiano le regole.

di , pubblicato il
Viaggi estate 2022 Omicron 5

Cambiano le regole per i viaggi Ue. Se da un lato, infatti, la variante Omicron sta dilagando e nelle mappe europee quasi tutti i paesi sono in zona rosso scuro, l’Unione Europea si prepara a rivedere le norme sui viaggi che terranno conto maggiormente dello status vaccinale o della guarigione dal Covid piuttosto che della provenienza geografica.

Viaggi Ue e Covid-19, come cambiano le regole

Come scrive il quotidiano El Pais, alcune regole come quella di imporre la quarantena o mostrare il tampone non dovrebbero più essere proposte in maniera generalizzata. Tra i criteri che potrebbero avere vita breve, ci sono proprio le mappe del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, che potrebbero essere escluse dai criteri per decidere limitazioni o restrizioni. Le mappe dell’Ecdc continueranno ad essere aggiornate ma avranno più carattere informativo e un determinato paese non potrà basarsi sul livello di rischio di un altro per imporre restrizioni a chi è vaccinato, guarito o ha un tampone negativo.

Da quello che si apprende, i paesi potranno imporre misure addizionali a chi proviene da un altro paese in rosso scuro, una decisione che è già stata discussa 27 Stati membri dell’Ue e che sarà di nuovo sul tavolo il 25 gennaio. Inoltre, ulteriori limitazioni potrebbero essere imposte ai viaggiatori provenienti da paesi con un alto tasso di infezioni e vaccinati bassi. C’è anche da dire che ormai a livello europeo il 70% della popolazione ha ricevuto almeno una dose. Per quanto riguarda il Green Pass, continuerà a rimanere valido 9 mesi per viaggiare e spostarsi all’interno della Ue mentre i tamponi saranno considerati validi quelli a 72 ore se molecolare o 48 ore se antigenico.

Tornare alla normalità

L’obiettivo comune è tornare ad avere un pò di normalità, anche alla luce della variante Omicron, che secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, entro marzo potrebbe infettare il 60% degli europei. Secondo il direttore dell’Oms Europa Hans Kluge:
Una volta che l’onda Omicron si sarà placata, ci saranno alcune settimane e mesi di immunità globale, o a causa del vaccino o perché la gente sarà immune a causa dell’infezione e anche un calo a causa della stagionalità”.

Vedi anche: Viaggi 2022: la classifica delle destinazioni di tendenza secondo Tripadvisor, dove andare in vacanza

Argomenti: ,