Variante sudafricana Omicron: lockdown per no vax e controlli alle frontiere, le ipotesi per contrastarla

Variante sudafricana Omicron, le misure per contrastarla.

di , pubblicato il
positivi

L’allerta è molto alta in Italia per la nuova sotto variante sudafricana Omicron che è arrivata anche in Italia e in Europa dopo i primi casi accertati in Sudafrica. Mentre si sta cercando di capire se questa variante è più pericolosa e contagiosa, Pfizer e Moderna hanno già annunciato nuovi vaccini ad hoc contro la Omicron che saranno pronti tra tre mesi.

Variante sudafricana Omicron, le misure per contrastarla

Da dicembre, intanto, si punta a dare una svolta alla campagna vaccinale con la terza dose per tutti gli over 18 mentre dal 6 dicembre con la partenza del Super Green Pass, il governo intende contrastare la quarta ondata. Ma quali sono le altre misure in programma?
Oltre ai controlli alle frontiere di cui si è già parlato nei giorni scorsi, Antonio Paoletti, presidente della Camera di commercio Venezia Giulia e di Confcommercio Trieste, ha lanciato la proposta dell’obbligo vaccinale con lockdown per no-vax più controlli alle frontiere:

“A marzo 2020 quando i casi erano ben più circoscritti, questi Paesi intervennero molto drasticamente nei nostri confronti chiudendo l’accesso agli italiani. In una fase così difficile e delicata, anche alla luce delle restrizioni entrate in vigore nei Paesi confinanti, come ad esempio il lockdown in Austria. Chi controllerà l’ingresso di non vaccinati in Italia e nei nostri negozi e centri commerciali? Non vorrei che tutte le regole in vigore per gli italiani vengano vanificate dal mancato controllo sugli stranieri che arrivano a Trieste e in Friuli Venezia Giulia”

Lo spauracchio del lockdown, anche se per adesso sembra improbabile

Andrea Crisanti, invece, aveva già parlato di lockdown che potrebbe essere inevitabile se la variante sudafricana Omicron si dimostrerà più pericolosa e contagiosa rispetto alla variante Delta. In piedi anche l’ipotesi di una quarta dose, soprattutto dopo che Pfizer e Moderna hanno annunciato l’aggiornamento dei vaccini. Le prossime settimane, quindi, saranno davvero importanti per capire come si evolverà il quadro: sapremo quali regioni passeranno in zona gialla entro Natale, come andrà il nuovo Super Green Pass e la terza dose, ma soprattutto se aumenteranno i contagi a causa della nuova variante africana e le misure che l’Europa adotterà per fermare la nuova avanzata della pandemia, che rischia di diventare infinita.

Vedi anche: Variante Omicron e lo spauracchio del lockdown: ecco i paesi dove si sta diffondendo e le misure per contrastarla

Argomenti: ,